Nel 2003 Mike e Gina Hecht, i fondatori della linea di abbigliamento Project E, decisero di creare un nuovo concetto di polo vintage.  Fino a quel momento la loro attività si concentrava su t-shirt stampate che richiamavano il vintage Americana. La Polo era un nuovo prodotto per la loro attività. Durante una visita a Los Angeles trovarono e acquistarono una vecchia polo in un negozio di capi usati. Tornati ad Atlanta (Georgia)iniziarono a pensare come creare un’ "anti preppy"  polo come alternativa alle linee classiche sempre nuove  e curate  scelte dalla maggioranza  "preppy" americana – slang che deriva da coloro che frequentano le scuole d’èlite preparatorie per studiare nelle migliori università. Le polo  "anti preppy" devono essere indossate tanto, così da poter creare un look che sembra essere più vecchio di 30 anni. Hanno iniziato strappando il logo dal petto della t-shirt e mettendo al suo posto una doppia "X", creando così il "XX" design che da allora è divenuto  logo e marchio della società. Hanno utilizzato strumenti per usurare le cuciture lungo le spalle, il girocollo e l’orlo e  ricamare dettagli sul bordo inferiore . Hanno lavato le polo con trattamenti speciali utilizzando il colore per dare un look “usato” e vintage. Hanno cucito a “loop” ed a “X” il girocollo, il bordo e le cuciture sui fianchi con un filo a contrasto per far sembrare che la polo si stesse scucendo e per ripararla fosse stata rammendata a casa. Questa “mano di cucito” è stata applicata a diverse parti per renderle simili a una vera e propria riparazione "fai da te". Infine hanno aggiunto la stampa sul colletto utilizzando un effetto sbiadito per aggiungere alla polo una personalità distintiva.
L’utilizzo dell’applicazione "X"  serve ad identificare la polo come una creazione Project e.
Nelle foto:
Flavio Briatore, Hugh Laurie, Justin Timberlake, Lindsay Lohan, David Beckham

Categorie: Chi veste chi.

Articolo pubblicato da in data: 19.12.2007
Ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2007