Un concorso europeo ad inviti, per il prototipo di una casa unifamiliare in legno, indetto dalla Energietechnik Gertig di Chemitz (DE). Cinque i gruppi in competizione, quattro giocavano in casa, uno in trasferta. L’ha spuntata lo studio italiano, AKA Architetti, con un progetto di casa eco-compatibile a basso impatto energetico.
Il prototipo proposto da AKA, è una casa su due piani di 145 metri quadrati, con un tetto a doppia falda per ospitare pannelli solari o fotovoltaici. Il piano terra è in vetro, il secondo in legno, per la parte più intima della casa, la zona notte. Anche al secondo piano gli architetti non rinunciano a comunicare con l’esterno ed allungano la “scatola” della notte, come un cannocchiale sospeso verso il cielo. I tre progettisti, Federica Caccavale, Alessandro Casadei e Paolo Pineschi e i loro collaboratori (Maria Teresa Bruca e Nadav Engel), sono di nuovo al lavoro per trasformare il prototipo in progetto esecutivo. La prima casa eco-friendly e made in Italy, verrà infatti realizzata a DarB, entro la fine del 2008, altre ne seguiranno sempre in Germania, Svizzera e in Italia. E per evitare che la stessa eco-casa, compaia a Procida come a Lugano, gli architetti stanno studiando un sistema, che consenta ad ognuno di differenziare e personalizzare il proprio nido. Se il piano terra, resterà un involucro di vetro, la parte superiore, potrà invece variare a seconda delle esigenze di famiglia, giocando con i moduli sui quali si basa l’intero progetto. Ma non solo, il secondo piano si potrà rivestire di legno, oppure di pietra o anche con una fibra di cemento del colore preferito. Il “cannocchiale” del secondo piano, è dunque l’elemento duttile della eco-casa, anche perchè, assumerà orientamenti diversi per consentire il funzionamento dei sistemi di energia alternativa che verranno adottati.
Insomma, un progetto, con una buona combinazione tra le rigide regole di mercato, che chiedono un prodotto di facile riproduzione e lo sforzo progettuale e creativo, per evitare che tutto sia uguale e globale.

Annamaria Di Fabio

info: www.akaproject.it via di Ripetta, 73 – 00186 Roma

Categorie: Design Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 25.01.2008
Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2008