Cross-over….Incroci, mescolanze, commistioni. 
Ossimori di maglia: lucid-opaco, pesantemente leggero, sgargiante/temperato.

Flanelle, taffetas e filati si compenetrano in cappottini smilzi, giacche trapezio o solcate da cinturette smilze, kimoncini con dettagli in maglia e maniche ad aletta, biker trapuntati con maniche che sembrano strappate ai pull rasati.

Respiro lirico dei volumi nel velluto morbido e leggero, che forgia gonne a boule nei toni del sasso e del cipria.

La linea FABIANA FILIPPI CASHMERE alza la levatura stilistica di un gradino.

Ragnatele di tulle doppiano il cashmere dei tubini neri.

Nuove forme, a uovo e a trapezio, trasformano in ventagli aerei i vestiti a canne di maglia sui toni del tortora-tabacco.

Il pull dimensione over diventa una sequenza di riquadri ottici grazie al gioco di intarsi.

Sui colli chiffon e seta martellata scalzano la maglia.

Al diminuire delle finezze corrisponde una voluta rigidità delle forme, nette come i piccoli cardigan trapezio con colli di pelliccia.

Vastissima, la gamma accessori: stole e mantelle chiuse da zip, gorgiere con dettagli fur o manicotti-borsa da portare a tracolla. Imperativi, i guanti estesi sino ai gomiti o senza dita.

Per l’inverno 2008, il mood di Fabiana Filippi si estende al living: approda sul mercato con alcuni pezzi incentrati su morbidi cuscini di cashmere e velluto panné, ciabattine stondate all’uncinetto e plaid grana di riso frangiati oppure rasati con bordo a uncinetto.

Questo per regalare alla donna Fabiana Filippi caldi momenti di relax.

Categorie: Trade News.

Articolo pubblicato da in data: 20.02.2008
Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2008