“XXIst CENTURY MAN” MOSTRA CURATA DA ISSEY MIYAKE
Dal 30 marzo al 6 Luglio

Il nuovo millennio è iniziato da soli 8 anni, e già si pone il quesito: dove stiamo andando, adesso che stiamo vivendo nel secolo che una volta consideravamo il futuro? Questa domanda rapppresenta l’origine e il tema della terza mostra allestita presso il 21_21 Design Sight di Tokyo, ad un anno dall’inagurazione di questo spazio fortemente voluto e ideato da Issey Miyake, in collaborazione con Tadao Ando.
In questa mostra, che esprime il comune desiderio di riporre speranza nel futuro, centro dell’attenzione saranno il XXI secolo e la sua gente, in quanto strumenti attraverso i quali esplorare idee per costruire un futuro migliore per questo secolo e per quelli a venire. Issey Miyake, per la prima volta curatore di una mostra allestita al 21_21 Design Sight, ha effettuato lunghe e approfondite ricerche per prepararsi all’esposizione, che coinvolge un vasto gruppo di creatori giapponesi e internazionali, tutti determinati a trattare i molti dubbi e insicurezze del nostro presente attarverso le proprie, individuali forme di espressione creativa.

UN MESSAGGIO DEL CURATORE ISSEY MIYAKE
Mentre ci troviamo ancora sulla soglia del XXI secolo, il nostro ambiente sta affrontando un significativo punto di svolta. Come conseguenza degli sviluppi raggiunti nel campo della tecnologia e della scienza, il nostro stile di vita e persino i nostri corpi potrebbero essere interessati da numerosi cambiamenti, che vanno ben al di là della nostra immaginazione. Come ulteriore conseguenza, anche il design, le filosofie e i metodi di manifattura molto probabilmente subiranno cambiamenti.
Nella mostra “XXIst Century Man” vengono esplorate le modalità secondo le quali il design e il modo in cui oggi facciamo le cose evolveranno, nel contesto della lora relazione con il corpo umano.
Lo scopo è quello di offrire un’esperienza in cui i visitatori saranno invitati a meditare su questi argomenti e si spera, alla fine, a condividere le nostre aspirazioni per il futuro. Ulteriore speranza è che questa mostra riesca a incoraggiare un numero crescente di giovani ad impiegare le proprie mani e la propria testa in nuove maniere creative e produttive.

ARTISTI

KOUTAROU SEKIGUCHI – Si tratta della prima vera e propria mostra per questo giovane artista giapponese, che si divide fra la creatività e l’insegnamento in una scuola per bambini psicologicamente disagiati.

YASUHIRO SUZUKI – Dopo la laurea alla facoltà di design della Zokei University di Tokyo, questo artista ha preso parte a numerose esposizioni in Giappone e nel resto del mondo.

NENDO – Rappresentato da Naoki Sato, Nendo è uno studio di design la cui fama è in costante incremento in Giappone e nel resto del mondo, la cui attività spazia dall’architettura alla grafica, alla progettazione di interni e di oggetti.

DUI SEID – Questo artista, basato a New York, da tempo affronta problematiche contemporanee e sfida le nozioni convenzionali di vita e spirito attraverso rappresentazioni della fragilità del corpo umano e delle cellule che lo compongono.

ISSEY MIYAKE – Issey Miyake deve il successo della sua storica linea di abbigliamento PLEATS PLEASE a una fibra “man-made” particolarmente innovativa. In questa mostra, tuttavia, il designer assume un approccio differente, mettendo in discussione la nostra dipendenza quotidiana dai combustibili fossili. La tecnologia “washi” per la produzione della carta verrà impiegata per riciclare la carta avanzata dopo il processo di lavorazione, ponendo l’accento sui concetti di riciclo e conservazione. La carta riciclata verrà utilizzata per produrre capi d’abbigliamento e manichini, mentre la normale carta da pacchi sarà usata per creare spazi dinamici.

DAI FUJIWARA – Un team guidato dal direttore creativo di Issey Miyake, Dai Fujiwara, presenterà un’installazione per introdurre il concetto e il processo creativo relativi alla serie di capi DYSON A-POC, per creare i quali gli aspirapolvere Dyson Cyclone sono stati smontati e trasformati in parti integranti degli abiti.

Categorie: Design Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 28.03.2008
Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2008