Il 19 e il 20 aprile 6000 volontari in oltre 2300 piazze italiane chiedono il vostro sostegno per dire “Basta alla violenza sui bambini”.

Telefono Azzurro scenderà di nuovo in piazza con le tradizionali ortensie, simbolo della campagna nazionale che l’Associazione promuove dal 1987 per rompere il muro di indifferenza e far sentire la voce dei più piccoli.

Obiettivo di quest’anno è sostenere le attività di ascolto, prevenzione ed intervento per proteggere i bambini dall’abuso e dal maltrattamento.

L’abuso sessuale su bambini e adolescenti è un fenomeno complesso che richiede capacità d’ascolto e d’aiuto da parte di tutti. Sono oltre 700 i minori vittime di violenza ogni anno (dati della Polizia di Stato, 2005). Un numero che risulta inoltre di molto inferiore a quello della media europea e che induce ad un’immancabile riflessione: quanti davvero gli abusi nel nostro Paese e quante le violenze che restano nell’ombra?

Gli episodi della cronaca relativi alla violenza sui bambini suscitano rabbia e indignazione, è necessario imparare a superare l’emotività, cercando di capire quali comportamenti si possono adottare per prevenire gli abusi e come aiutare bambini ed adolescenti che ne sono vittime. 

Quest’anno si potrà aderire all’iniziativa non solo come sostenitori, ma anche come volontari, stando al nostro fianco durante la manifestazione.

Telefono Azzurro, associazione impegnata da oltre 20 anni nell’ascolto, tutela ed intervento dei bambini, si sostiene grazie al prezioso contributo dei privati cittadini.

Per diventare volontario o per  visualizzare le piazze più vicine dove acquistare le ortensie si può contattare il numero verde 800.090.335 o visitare il sito www.azzurro.it.

Telefono Azzurro ringrazia Anap, Round Table, Amway e tutti i volontari che con il proprio sostegno contribuiscono al successo della campagna. Si ringraziano, inoltre, le testate giornalistiche, le emittenti radiofoniche e televisive, i siti Internet che contribuiranno a sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto all’iniziativa.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: