SPINA è la nuovissima sedia da ufficio che segue la postura di chi la utilizza.

Frutto di una sinergia fra il noto marchio giapponese Itoki e JDS, SPINA coniuga alla perfezione il design e la tecnologia del Sol Levante con l’esperienza commerciale, logistica e di marketing di JDS.

Con SPINA non è più necessario adattarsi alla posizione della sedia perché è la sedia stessa che accompagna le forme dell’utilizzatore, garantendo un comfort senza precedenti.

In base ad un autorevole studio giapponese, oltre il 70% del tempo che si trascorre seduti comporta una posizione scorretta, completamente sbilanciata in avanti e priva di appoggio della schiena. Il risultato è il progressivo incurvamento delle spalle e l’affaticamento dei muscoli lombari.

Con SPINA tutto questo è preistoria. SPINA è stata infatti realizzata proprio per supportare la naturale curva a S della schiena grazie a due innovativi meccanismi che agiscono in sinergia per sostenere chi la utilizza. Quando ci si siede, la seduta e lo schienale di SPINA si muovono per adattarsi alla posizione della persona, garantendo alla regione lombare una comodità assoluta. I meccanismi di SPINA seguono tutti i cambi di postura in modo automatico, senza che si renda necessaria alcuna regolazione di tipo manuale.

Lo schienale di SPINA è realizzato in elastomero, un materiale all’avanguardia che combina resina e gomma, e coniuga comfort e flessibilità in un design innovativo. La forma sinuosa è studiata per ridurre la presenza di spazio che normalmente si crea con la schiena, al fine di non accumulare calore.

La seduta garantisce il massimo comfort grazie ad una struttura interna caratterizzata da particolari fessure in grado di aumentare le aree di contatto tra il corpo e la sedia e di distribuire così il peso in maniera più uniforme.

Regolabile in altezza e in inclinazione, SPINA è anche dotata di poggiatesta e braccioli mobili che garantiscono il massimo comfort ad ogni tipo di corporatura.

Categorie: Design Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 16.04.2008
Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2008