Feed on Fashion: per la prima volta la Moda apre le porte ai giovani..

Nasce un nuovo progetto per avvicinare i giovani al mondo della moda. Dal 7 al 10 maggio,infatti, Milano ospita il Feed on Fashion, un festival promosso dalla Piattaforma Sistema Formativo Moda, associazione fondata su iniziativa dell’Assessore alla Moda della Provincia di Milano, Antonio Oliviero e dal Presidente del Comitato Lombardia per la Moda, Giovanni Bozzetti. Comitato istituito dal Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni e dall’Assessore all’Industria, PMI e Cooperazione, Massimo Corsaro. L’associazione cercherà primariamente di sintetizzare l’identità del sistema formativo italiano in area moda sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. Si farà anche promotrice di ricerche sui settori di competenza che comprenderanno un’analisi delle figure professionali, in special modo quelli meno conosciuti, in modo da rendere visibili segmenti del mondo del lavoro per cui esiste una forte richiesta di mercato ma poca offerta di profili in uscita preparati dalle scuole.

Tutte le scuole partecipanti alla Piattaforma Sistema Formativo Moda si riuniscono per la prima volta per dare vita ad un evento che permetterà ai giovani di avvicinarsi al mondo della moda e alle sue dinamiche, riunendo istituzioni e scuole di alta specializzazione di Milano e provincia in un unico soggetto capace di dotarsi di un manifesto comune, con la finalità di far conoscere e promuovere la cultura della moda.

Il Feed on Fashion parte dalla base, ovvero dalla formazione e dai giovani, ai quali le iniziative della Piattaforma consentiranno di avere spazi e visibilità per valorizzarne il percorso professionale, incominciando proprio da questa iniziativa, dove le scuole hanno organizzato diversi momenti di approfondimento come workshop e sfilate. Verrà inoltre lanciato il Feed on Fashion Award 2009 che premierà 5 talenti usciti da corsi triennali o master. Tra i finalisti verrà scelto un vincitore a cui sarà data la possibilità di produrre e distribuire la collezione per le due stagioni successive.

Il festival si è aperto il 7 maggio all’interno della Pelota di via Palermo 10 a Milano con la sfilata di giovani talenti provenienti da 6 istituti differenti.

B-Team dell’istituto I.P.S.I.A. Bernocchi che con la loro collezione esprimono la volontà di muoversi senza seguire gli schemi tradizionali del fare moda, ne nasce quasi un linguaggio estetico, in bilico tra poesia ed azione, arte e moda, informale e body art, Pollock e Luthi. Il tessuto sembra come pronto a mutare continuamente forma, rigenerandosi sempre fra tradizione e innovazione, ambiguità e chiarezza, artigianato e produzione.

Sawako Furukawa della Domus Academy presenta la sua collezione ispirata al termine Aborigenerous ( aborigene+ generous). Nel racconto di storie dai sapori antichi di una cultura più vera, originaria che si trasmette la propria verità. Le lane pregiate, le sete e le stampe compongono uno stile sorprendente con il quale creare abbinamenti inediti e sempre diversi.

Marta Forghieri e Giulio D’Alessio dello IED fanno sfilare, con un sapiente lavoro di styling, un mix di materiali tecnici, presi dal mondo dello sport, teflon e drill di lana stretch, con stampe, piazzate e allover dal sapore grafico e street, su costruzioni sartoriali. Un gioco di couture fatto di sperimentazioni di finiture, volumi e drappeggi, si contrappone una grafica costruita su più livelli, creando un effetto visivo leggero e straniante. La collezione è un discorso, ironico e divertito.

Marta Griso dell’istituto Carlo Secoli si ispira al mondo della danza per la sua collezione fatta di drappeggi e tessuti leggeri e segosi che danno vita a capi che come in una spirale avvolgono la persona e si sviluppano al suo interno.

Gli A-Lab della NABA portano sulla passerella la forza, il dolore, la rabbia e l’energia delle donne del dopoguerra tramite forti richiami alle divise militari e alla sartorialità maschile delle souris grises della seconda guerra mondiale.

Paolo Ferrari del CFP Paullo si ispira al mondo della borghesia di metà novecento che vive in un limbo di perfezione e malinconia, luogo immaginario dove, dentro ville monotone circondate da giardini e pettegolezzi, nasce un nuovo stile ironico, snob e assolutamente lussuoso.

Tutte le informazioni di dettaglio delle attività sono reperibili e aggiornate in tempo reale su www.feedonfashion.it.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 09.05.2008
Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2008