Una Stagione Musicale 2008 importante, quella che inaugurerà l’Orient Express Ensemble il 20 aprile prossimo alle ore 21.00 presso il Palazzo Verbania di Luino. Ben otto gli appuntamenti a ingresso libero previsti sino al 6 settembre. Caratterizzati dalla presenza di artisti di fama internazionale, i concerti in cartellone si rivolgono ad un pubblico eterogeneo, spaziando dal jazz alla musica classica, senza mancare di dare risalto anche alla cosiddetta musica etnica.

Il virtuosismo dei solisti e le sonorità malinconiche e appassionate dell’Est europeo inaugurano la stagione con un concerto dell’ Orient Express Ensemble che vede impegnate alcune prime parti dell’Orchestra della Svizzera Italiana: al violino l’ungherese Tamàs Major, che è anche primo violino dell’Orchestra di Budapest, al clarinetto Corrado Giuffredi anche primo clarinetto ospite della Filarmonica della Scala, al contrabbasso Enrico Fagone, insieme a Ciro Radice (fisarmonica e arrangiamenti) e con la partecipazione di Francesca Galante (voce) interprete di alcuni tra i più ironici canti della tradizione degli ebrei di lingua Yiddish.

Sul palco si alterneranno artisti italiani e stranieri. Per gli appassionati di musica jazz l’appuntamento con il prestigioso duo Rea-Sellani è previsto per il 23 giugno presso il Teatro Sociale di Luino, mentre il chitarista americano Garrison Fewell con il suo trio e con l’eccezionale partecipazione di Don Friedman caratterizzerà la serata dell’8 luglio presso il Palazzo Verbania. Danilo Rea e Renato Sellani, entrambi al pianoforte, in Umbria Jazz hanno dimostrato “ un’intelligenza improvvisativa capace di generare una sorpresa dopo l’altra”(www.italia.allaboutjazz.com) rappresentando due generazioni diverse a confronto, con un Sellani già performer a fianco di personalità che hanno scritto la storia del panorama jazzistico internazionale quali Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Hellen Merril. Garrison Fewell è stato definito il “Bill Evans della chitarra”. A Luino si esibisce con il pianista Don Friedman, il cui nome dalla fine degli anni ’50 è presente al fianco di grandi solisti come Chet Baker, Shorty Rogers, Ornette Coleman.

Gli appuntamenti per gli amanti della musica classica si terranno presso il Palazzo Verbania il 30 maggio con il Quartetto Strumentale di Milano, il 27 luglio con il duo Andrea Rebaudengo (pianoforte) e Sandro Laffranchini (violoncello) e il 16 agosto a Runo di Dumenza con il Trio d’Ance dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. Il Quartetto è formato da Massimo De Biasio e Ruggero Fededegni al violino, Roberto Mazzoni alla viola e Giuseppe Laffranchini al violoncello, quest’ultimo dal 1979 Primo Violoncello solista dell’Orchestra Filarmonica e dell’Orchestra del Teatro alla Scala e Violoncello solista degli “Archi della Scala”. Il Duo Rebaudengo-Laffranchini ha vinto il “Web Music Competition” di New York. Andrea Rebaudengo ha suonato per le più importanti istituzioni concertistiche ed è pianista di Sentieri selvaggi, uno degli ensemble di musica contemporanea piu’ interessanti e attivi dell’area europea. Sandro Laffranchini nel 2000 è stato scelto dal M° Muti come Primo Violoncello solista dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala, iniziando un’intensa attività in tutto il mondo. A Dumenza nella preziosa chiesa di Runo dal suggestivo campanile in stile romanico si potrà seguire la performance del Trio d’Ance con all‘oboe Hernan Diego Garreffa, al clarinetto Fausto Saredi e al fagotto Andrea Magnani.

Per coloro che apprezzano le infinite direzioni della musica popolare, le date da non perdere saranno il 10 agosto al Teatro Sociale di Montegrino Valtravaglia con il repertorio sefardita dei musicisti de La rosa e il 6 settembre a Palazzo Verbania con il Coro Polifonico Goccia di Voci diretto da Oskar Boldre. La musica sefardita nasce in Spagna nel secolo ottavo dallo scambio fra le tre grandi culture tradizionali: ebraica, cristiana e musulmana. “La rosa“, gruppo formato da tre musicisti di origini diverse (Spagna, Italia, Svizzera), recupera e interpreta questo repertorio in modo libero e creativo. Originale l’organico, combinazione di voce, Anna Maria Garriga, violoncello, Zeno Gabaglio, e clarinetto, Ermanno Librasi. Ben quaranta le voci del coro polifonico diretto da Oskar Boldre che proporrà i “Canti corali dallo spirituale allo spiritoso”, appartenenti alle tradizioni di molteplici paesi. Quest’ultimo concerto è realizzato in collaborazione con la rassegna FaRe Musica di Casalzuigno.

La Stagione Musicale di Luino è ideata e organizzata per l’Associazione Rinascenze, con il contributo del Comune di Luino e della Comunità Montana Valli del Luinese, e delle aziende private I.M.F., Assiteca, Banca Popolare Commercio e Industria, Riello di Valsoni, Rettificatrici Ghiringhelli, Italtrasfo, Legnami Marchetti, UNES (Germignaga, Maccagno, Porto Valtravaglia) e Francesco Marmino Fotografo, Piante Spertini.

20 aprile, Palazzo Verbania, Luino: Orient Express Ensemble
30 maggio, Palazzo Verbania, Luino: Quartetto Strumentale di Mlano
23 giugno, Teatro Sociale, Luino: Duo Danilo Rea-Renato Sellani
8 luglio, Palazzo Verbania, Luino: Garrison Fewell Trio – guest star Don Friedman
27 luglio, Palazzo Verbania, Luino: Duo Sandro Laffranchini-Andrea Rebaudengo
10 agosto, Teatro Sociale, Montegrino Valtravaglia: La Rosa – musica sefardita
16 agosto, Chiesa di Runo, Dumenza: Trio d’Ance dell’Orchestra Sinfonica di Milano “G.Verdi”
6 settembre, Palazzo Verbania, Luino: Coro Polifonico Goccia di Voci – “Canti corali dallo spirituale allo spiritoso”

Lo sponsor della manifestazione è katataiba

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 12.05.2008
Ultimo aggiornamento: 12 maggio 2008