Hollywood Milano implementa il suo business nel settore dell’abbigliamento bimbo grazie ad un nuovo accordo di licenza con Aureli SpA.

Con l’intento precipuo di rafforzare il già interessante riscontro che riscuotono le collezioni di Hollywood Milano per i più piccoli, il brand delle star ha avviato un nuovo accordo di licenza con Aureli SpA, affidando all’azienda emiliana la produzione delle sue linee bimbo.

Fondata nel 1990 come emanazione diretta dell’azienda Lineaval, già operativa negli anni Sessanta, Aureli Spa vanta ora una produzione nell’ordine di un milione e seicentomila capi all’anno. Le sue attività di interessano diverse sedi, sia in Italia che all’estero, facendo però tutte capo al quartier generale di Castelfranco Emilia, dove si concentrano tanto gli aspetti creativi quanto la realizzazione del campionario, garantendo al prodotto un imprinting stilistico, un know how ed un livello qualitativo indiscutibilmente italiani.

Un ulteriore plus garantito da Aureli SpA è l’estrema versatilità nel soddisfare le esigenze di mercato, con linee e proposte pensate sia per il settore della vendita al dettaglio specializzata sia per la grande distribuzione, calibrando ad hoc le valenze di prezzo e qualità, di ricercatezza stilistica e di esclusività dei materiali. Sulla base di questi presupposti, Hollywood Milano ha così individuato nell’azienda emiliana il partner ideale per sviluppare ed ottimizzare il suo business in un settore di deciso interesse per il brand.

Il primo, importante risultato della collaborazione di Hollywood Milano con Aureli è la collezione Primavera/Estate 2009, presentata in occasione di Pitti Bimbo, a fine giugno. Una collezione ispirata alla concezione tipicamente infantile della vita intesa come gioco, dunque piena di sogni, di emozioni, di curiosità, animata dal desiderio di avventure e di sentirsi adulti. Così, il bimbo di Hollywood Milano, con una dose notevole di divertimento guarda al presente come spettatore ed interpreta il suo futuro come un autentico attore. In quest’ottica le linee e forme esprimono innanzitutto logiche di comodità e di praticità con un fitting sciolto e disinvolto reso però speciale dalla varietà e dalla ricchezza dei dettagli: dai micro-bottoni dorati, ai fili multi-color; dagli interventi patchwork ai label personalizzati. Colori e materiali evidenziano una componente più “fashion”, che predilige le opposizioni di nero e oro oppure di bianco e oro e ricorre a materiali preziosi per i particolari, come il raso dei ricami per il bimbo e le etichette stampate per la bimba. Le proposte casual sono invece movimentate dal rosso, dal verde, dal giallo e dal blu al maschile; dal rosa, dal viola, dal grigio mélange e dal bianco al femminile. Grazie a questo caleidoscopio, il bimbo vuole fare il duro ma in definitiva resta pur sempre un bambino. Allo stesso modo, la bimba, gioca alla signora, ma cede alla tentazione di essere dolce…   

Categorie: Trade News Tag: .

Ultimo aggiornamento: il 25.07.2008