Sergio Rossi per Monkeybiz Sud Africa. Quando l’artigianalità incontra lo sviluppo etico.

Sergio Rossi sposa la mission di Monkeybiz, un’organizzazione non-profit che trae i suoi ricavi da oggetti realizzati con il ricamo con perline.
Monkeybiz è nata 8 anni fa in Sud Africa dal desiderio di creare impiego e guadagno per le donne disagiate. Il progetto coinvolge 450 artiste che producono splendide, singolari, opere d’arte realizzate con le perline, pezzi unici. Tutti i profitti ricavati dalle vendite sono reinvestiti nei servizi offerti alla comunità di Monkeybiz, i quali includono una clinica per le cure per l’ AIDS, la distribuzione di pasti, corsi di yoga, coro e recitazione, fondi per la sepoltura delle artiste e per il sostegno economico delle loro famiglie.
Sergio Rossi ha disegnato due modelli in 4 varianti colore, in edizione limitata, ed un motivo a forma di cuore ricamato poi dalle artiste di Monkeybiz. Una borsa ed un sandalo infradito, in 4 varianti colore con applicato un cuore che rappresenta un tributo dal mondo della moda all’arte e alla missione di Monkeybiz.

Sergio Rossi supporta questa associazione creando lavoro per le sue artiste e devolvendo parte del ricavato delle vendite dell’edizione limitata Sergio Rossi per Monkeybiz.

Monkeybiz è un progetto no-profit che trae il suo reddito dalla produzione di manufatti in perline. Avviato nel gennaio 2002 dalle ceramiste Barbara Jackson, Shirley Fintz e Mathapelo Ngaka. Con la sua vitale comunità composta da oltre 450 artiste, Monkeybiz mira allo sviluppo economico delle donne, in molti casi unica fonte di reddito della famiglia. Monkeybiz crea lavoro sostenibile cercando di aumentare il potere economico delle donne e tutelarne la salute nelle aree del Sudafrica con risorse più scarse. Allontanandosi dall’artigianato di massa di pietre e metalli, Monkeybiz ha arricchito il mercato degli articoli in perline del Sudafrica: ogni manufatto è un pezzo unico firmato dall’artista, a garanzia della sua arte. Tutti i proventi delle vendite vengono reinvestiti in servizi per la comunità, ad esempio una Wellness Clinic per portatrici di HIV, mense gratuite settimanali, corsi di yoga, teatro e canto corale, così come un fondo funerario per gli artisti e le loro famiglie. È possibile acquistare i prodotti Monkeybiz nei negozi specializzati di tutto il mondo e sul sito Web: www.monkeybiz.co.za

Le ceramiste Barbara Jackson e Shirley Fintz, appassionate collezioniste di artigianato africano e manufatti decorati in perline, si sono impegnate per far rifiorire quest’antica tradizione artigianale sudafricana e con la collaborazione di Mathapelo Ngaka hanno realizzato il proprio sogno.
Le donne coinvolte nel progetto vengono retribuite per ogni pezzo che producono e, poiché lavorano da casa, possono occuparsi della famiglia evitando i costi di spostamento. I prodotti in perline stanno riscuotendo enorme successo ovunque, nel paese di produzione come all’estero.
Storicamente la lavorazione dei manufatti in perline è sempre stata appannaggio delle donne, in particolare delle tribù sudafricane Xhosa, Zulu, Ndebele e Sotho, che imparavano l’arte direttamente dalle madri, dalle nonne e dalle altre donne della comunità.
Monkeybiz è un’organizzazione no-profit. Tutti i ricavi confluiscono all’interno delle comunità sotto forma di pagamento o di servizi.
“Monkeybiz è un progetto no-profit generante reddito per la produzione di manufatti in perline. Le artiste coinvolte creano meravigliosi pezzi unici. Al fine di stimolare l’imprenditorialità non retribuiamo le donne per il lavoro svolto, ma compriamo direttamente i loro prodotti. Forniamo gratuitamente le perline e tutti i materiali per la creazione degli oggetti. In questo modo e tramite l’organizzazione di laboratori di approfondimento assicuriamo alla comunità il supporto necessario per concentrarsi sulla creazione e sull’innovazione dei prodotti.
Ci impegniamo inoltre a garantire un reddito sostenibile cercando continuamente nuovi mercati e rivenditori per i prodotti creati.
Monkeybiz mette a disposizione della comunità una serie di servizi offrendo il supporto indispensabile per garantire salute e benessere. Siamo un’organizzazione no-profit e tutti i proventi derivanti dalle vendite confluiscono direttamente e indirettamente (mediante i servizi e la gestione dell’organizzazione) all’interno della comunità”.
Iniziative a sostegno dei malati di HIV/AIDS

Wellness Clinic
“Nel centro di Città del Capo abbiamo fondato la Wellness Clinic, una struttura pensata per i malati di HIV/AIDS che offre corsi di formazione e supporto alle donne sieropositive con redditi bassi. La clinica, inaugurata nel 2003, gestisce un servizio mensa per 60 donne una volta alla settimana e offre corsi per la creazione di prodotti in perline, consulenza medica e supporto psicologico ai malati, yogaterapia, trattamenti omeopatici contro HIV e AIDS e alimentazione di base. Exact! Clothing fornisce una volta al mese l’integratore vitaminico NutriKing e scampoli di tessuto che utilizziamo per i nostri prodotti e per il progetto T-shirt”.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 13.10.2008
Ultimo aggiornamento: 13 ottobre 2008