Il museo del design celebra Chalayan…Da Gennaio 2009,  in mostra a Londra,  le creazioni e le opere artistiche di  Hussein Chalayan.

Non esiste uno stilista che abbia saputo coniugare tecnologia e suggestione in modo più suggestivo di Hussein Chalayan.
Stilista turco-cipriota, Chalayan è anche musicista e regista. Nato a Nicosia nel 1970, si trasferisce a Londra a 12 anni per poi laurearsi alla Central Saint Martins di Londra.
La sua prima sfilata nella capitale britannica ebbe un richiamo sensazionale perché presentò vestiti che erano stati sotterrati nel giardino di un amico per quindici giorni anticipando così la cosidetta “moda del vissuto”. Concettuale fino all’estremo, Hussein Chalayan parte sempre da un’idea guida traendo ispirazione dall’architettura, dalla filosofia e dall’antropologia e collocandosi a metà strada tra moda e arte.
A celebrare la sua opere innovative e spesso dissacranti, ci pensa una mostra organizzata dal Design Museum di Londra.
Dal 21 gennaio al 17 maggio 2009 il due volte nominato "British Designer of the Year" Hussein Chalayan sarà al centro di una retrospettiva completa del suo lavoro quindicennale : in mostra i pezzi più importanti del suo percorso creativo, comprese le sue ricerche per Afterwords, opera ispirata alla realtà dei rifugiati, che esplora il concetto di architettura indossabile, i pezzi sperimentali di Airborne dove gli abiti sono realizzati con led luminosi e cristalli liquidi, Readings  l´abito composto da 200 laser mobili capace di incredibili effetti di luce e la collezione Before Minus Now .
Una “mostra-labirinto” che illustra le creazioni dello stilista in ordine cronologico, con spazi riservati alle collezioni, ai film e alle sculture più significative, allo scopo di presentare il pensiero trasversale di uno dei più grandi stilisti della moda contemporanea.
Articolo di Barbara Bulfoni

Design Museum
Shad Thames, London SE1 2YD
020 7403 6933
Info : www.designmuseum.org

Categorie: Design Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 03.01.2009
Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2009