Il Comune di Milano e la Camera della Moda annunciano l’avvio del FASHION INSTITUTE OF MILAN, l’edificio che ospiterà il nuovo polo formativo di eccellenza dedicato alla Moda. Il progetto, strategico per il futuro della moda italiana, costituisce la realizzazione e la prosecuzione della Città della Moda che nasce più di venticinque anni fa, da un’intuizione di Nicola Trussardi, al quale va il ricordo e il ringraziamento di CNMI. La Fondazione Milano città della Moda e del Design, della quale CNMI e il Comune di Milano sono stati Soci Fondatori, ha portato avanti l’idea illuminata di Nicola Trussardi.

 

Oggi il progetto è ufficiale: Milano, grazie alla determinazione del Comune di Milano, avrà una “Città della Moda” e sorgerà nell’area Garibaldi–Isola-Varesina dove il Comune di Milano ha intrapreso un’opera di riqualificazione urbanistica che la trasformerà in un’area di eccellenza internazionale. L’intero progetto, che oggi ha assunto dimensioni maggiori, si chiama “Porta Nuova” e il master plan prevede ancora, oltre alla realizzazione di una grande area espositiva che diventerà il nuovo Centro Sfilate di Milano Moda Donna e Uomo, un’ area a valenza formativa e culturale in senso lato, così

 

come auspicato dall’ex progetto Città della Moda. In particolare, per la valorizzazione e il supporto al settore Moda è stato progettato e previsto uno specifico edificio che costituirà il Fashion Institute of Milan, di proprietà del Comune di Milano. Il bando di concorso per la progettazione architettonica di questo edificio è già stato vinto dall’Arch Pierluigi Nicolin con una struttura a forma di “cubo”, alta circa trenta metri e che è concepito come un ‘edificio mondo’, per il coinvolgimento globale che ripropone al suo interno.

 

In previsione di questo importante centro polifunzionale, il Comune di Milano ha avviato con il Consorzio Universitario per l’Alta Formazione Bocconi-Politecnico-Cattolica il primo Master in Fashion Projetc Management.

 

“Sottolineo l’importanza della partecipazione di un gruppo di Università milanesi -IULM, Politecnico, Bocconi, Cattolica- allo sviluppo del progetto “Milan Fashion Institute” finalizzato a sostenere con molteplici attività il Sistema Moda milanese e nazionale – spiega Luigi Rossi Bernardi, Assessore all’Innovazione, Ricerca e Capitale Umano”. Il Progetto prevede consistenti co-finanziamenti pluriennali del Comune di Milano e delle stesse Università.

 

“E’ rilevante – sottolinea l’assessore Luigi Rossi Bernardi – che il Sistema Moda italiano, che ha avuto così successo nel mondo, venga ora affiancato, come già avviene in altri paesi, da consistenti interventi pubblici nei settori dell’ Industrial Design, della Scienza dei Materiali, dell’Organizzazione Aziendale e dell’ informatizzazione del cospicuo materiale iconografico nazionale.”

 

“L’iniziativa – commenta Mario Boselli Presidente Camera Nazionale della Moda Italiana – rappresenta un’idea progettuale di grande visione e generosità per la Moda e di servizio per il settore e testimonia l’attenzione e l’interesse delle Istituzioni pubbliche – ed in particolare del Sindaco Letizia Moratti- per la Moda. Si tratta di un contributo concreto che sposterà le competenze e le

 

capacità al di fuori della logica competitiva dei costi – che spesso non ci vedono vincenti- e che consentirà la possibilità di affrontare con successo le nuove sfide di un’economia globale puntando sui concetti di qualità, innovazione, ricerca, creatività. Questo progetto rappresenta una delle prime realizzazioni di tutto il mosaico di edifici che sono previsti per l’Expo 2015”.

 

L’alta formazione che farà parte del Fashion Institute of Milan lancia oggi il primo Master post laurea in Fashion Project Management che prenderà avvio il 16 gennaio 2009. Il Master, che integra competenze di design, management e comunicazione, è organizzato dal Consorzio Universitario di Bocconi, Cattolica, Politecnico in collaborazione con Camera Nazionale della Moda Italiana. “Credo – dichiara Guido Corbetta Presidente del Consorzio – che la collaborazione tra le università e le istituzioni che si è concretizzata in questo

 

progetto sia un buon esempio di come nel nostro Paese si possa fare sistema. Il Consorzio tra Bocconi, Cattolica e Politecnico, aperto ad altre università, si candida per contribuire alla realizzazione di attività formative e di ricerca dedicate alla moda nell’ambito dei progetti ‘Città della Moda’ ed Expo2015”.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 16.01.2009
Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2009