Onirico, surreale, spensierato, ma anche immediato, vibrante  di energia ed arricchito da un pizzico di ironia: sono queste le coordinate entro le quali si “legge”  lo spirito delle immagini della campagna Vic Matié per la Primavera/Estate 2009 realizzate da Emilio Tini, con lo styling di Enrico Maria Volonté.

L’ambientazione “neutra” in studio fa da scenario ad un sofisticato gioco di rimandi e di contrasti. Da un lato, il viraggio rosato delle immagini a colori accentua le connotazioni sognanti e sottolinea un’intenzione di lievità, di leggerezza, di evasione dalla realtà. Dall’altro, la silhouette scattante della modella Olga Akhunova, colta  sempre in movimento ed esaltata nella sua plasticità, si confronta con un elemento ludico, apparentemente estraneo al contesto: un cerchio ginnico munito di nastri fluttuanti che cattura l’attenzione e suscita curiosità… quasi si trattasse di un simbolico orologio che tende a smaterializzarsi e a perdersi nello spazio, un invito insomma a vivere il tempo con leggerezza. Almeno nella moda…

Ancora una volta, Vic Matié racconta la sua identità attraverso una storia, attraverso le emozioni che le immagini riescono a suscitare, prima ancora che attraverso il prodotto che pure, nelle immagini stesse, vive in tutta la sua importanza ed eleganza.

Vince il messaggio di sempre: 24 hours of dreams… Per Vic Matié la moda resta una chance decisiva per vivere la quotidianità con la giusta dose di fantasia. Si può trasformare la vita di ogni giorno in un sogno, sfuggendo alla banalità. Anche grazie ad un paio di scarpe scelte con slancio perché sono belle, uniche, speciali…

Categorie: Trade News.

Articolo pubblicato da in data: 03.02.2009
Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2009