Imprese e sindacati della filiera produttiva italiana della moda sollecitano il governo a prendere misure urgenti a sostegno del settore.
Tessilivari, cioè tessili di grande valore: ricami, passamanerie, tendaggi preziosi.

10.000 dipendenti e 5.000 “Telai”: quelli che han permesso di fare moda e lusso con le loro innovazioni di prodotto e di processo.

E’ importante, quindi, garantire questo pezzo di filiera, perché vuol dire salvaguardia di professionalità e tecnologie d’eccellenza.

Come ha fatto il Cancelliere Angela Merkel per il tessile tedesco, ci aspettiamo:

Stato garante dei prestiti da parte delle banche per la liquidità funzionale alla continuità della produzione, del factoring dei nuovi ordini, il congelamento dei debiti a breve con le banche e l’assicurazione dei crediti con l’estero
1 Contributo del 50% alle spese dei campionari per le aziende che producono in Italia
2 Decontribuzione per le aziende che occupano più del 40% di manodopera femminile con fondi UE
3 Vaucher alle aziende di consorzi di categoria per la partecipazione alle fiere internazionali in Italia e nel mondo

Solo alle aziende che hanno i ‘telai’ in Italia.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 19.02.2009
Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2009