Riscoprire lo charme di un abito tailored, guardare alla moda seguendo un’idea di spontanea femminilità, scegliere la morbidezza delle linee per costruire una collezione assolutamente chic, sicuramente easy.
Rileggendo le forme ed i volumi dei grandi couturier, Massimo Rebecchi presenta la sua collezione per la prossima primavera estate 2007, scegliendo la semplicità dell’eleganza che dà vita ad un total look gentile e garbato.

E’ la luce interiore delle donne che Massimo Rebecchi ha immaginato di “portare fuori” attraverso i suoi abiti, dove il colore diventa protagonista dell’intera collezione.
 
Il candore dei bianchi si lega alla leggerezza dei neutri, l’appeal intramontabile dei grigi perla si mischia ai rosa più cortesi, la stampa militare prende un aspetto “più educato” grazie ai leggeri tocchi di colore.
 
Con la sua palette di tinte delicate e morbide, lo stilista ha costruito i suoi capi ispirati alla storia della haute couture, disegnando abiti “semplicemente e naturalmente” eleganti, come possono essere solo i capi in cotone mano pesca, in seta lavata, in mussola o in jersey leggerissimo.
 
La easyness di Massimo Rebecchi si trasforma in pret-à-porter di classe, anche nello sportswear dove diventa possibile il metissage tra cotone parachute, ruches e ricami tono su tono.
 
Facili da indossare, facili da scegliere questo è il senso di una collezione in cui anche il tema tailored assume un allure quotidiano, con abiti appoggiati sul corpo morbidamente ma segnati da impeccabili cuciture che ricordano la grande sartoria degli anni cinquanta.
 
“Must have” della prossima estate l’abito corto a vita bassa, in cascante jersey in lucida microfibra di viscosa, con scollo profondo sulla schiena.

Categorie: Abbigliamento Donna Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 16.03.2007
Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2007