Evasioni anglosassoni, soft country e tagli di luce memorabili: è la scena immaginifica del mondo di Henry Cotton’s, il way of life dei college inglesi e dei campus americani. Un dualismo evocato e ricreato con sapiente equilibrio di leggenda e innovazione. Nuove sono le vestibilità, che avvicinano lo stile ad un’ascendente più “tailor made”, più pensato su di sé. Capi che acquisiscono una nuova indole, meglio strutturata: inossidabili classici rielaborati con sguardo attento alle tendenze del mercato, e con interventi di tessuti nuovi, non consueti. Giacche e cappotti si assottigliano di taglio per fasciare il corpo lasciargli esprimere più personalità. Il cappotto di lana blu ribadisce invece la base classica della collezione insieme al montgomery, rifinito con alamari in pelle.
Più strette e corte anche le camicie, indossate su pantaloni lavorati. Un contrappunto dato dall’inserimento di dettagli su tessuti di aspetto délavé ma perfetto nello stiro. Il pantalone cambia, si fa più asciutto, stretto anche nel fondo.
I richiami alle atmosfere dei campus americani rivivono nel jersey di polo efelpe, impreziosite da ricami. La maglieria esplora le gamma dei colori fané, tra righe, rombi e micro disegni, valorizzati e rafforzati da inserti di pelle.
Il denim, un classico Henry Cotton’s, è pulito, tendenzialmente blue con effetti ottenuti da trattamenti di lavaggio mai troppo aggressivi.
La collezione si muove sui punti cardinali di quattro temi. Quattro diverse sfumature per riconoscere l’uomo che è nel proprio mondo.
Cambridge Classic
Un college elegante, ma sportivo e destrutturato, con predominanza di blue, grigi e bianchi freddi con un tocco di melange. Le giacche sono in lana cachemire a struttura spina di pesce; i cappotti di nuova generazione sono in lana con disegno a principe di galles, da sposare a sobri pantaloni. Eleganza e agio intrecciano i segni salienti della collezione.
East Coast Spirit
Sempre al campus ma all’aria aperta, per fare sport, o per viverne tutto l’entourage. È il tempo libero di Harvard, dove si conserva l’accento di un rigore innato, che si stempera nei momenti di relax. La collezione lo racconta con i colori blue, kaki e beige che si affiancano al classico rosso per vivacizzare e ad un tocco di verde inglese, per ribadire sapore di vintage. Sempre intrecciato a nuove interpretazioni dell’eleganza che fondono la classicità del cotone ai tessuti più particolari e innovativi come il canvas di nylon.
Aspen Holidays
Una storia dove la sofficità é anche tema del paesaggio di montagna raffinato ed esclusivo. L’upper class americana è sulla neve: il pedigree di un modo d’essere è affidato a segni inequivocabili. Dunque, cromatismi classici che non turbano: i beige, i panna ed i marroni bruciati si fondono a colori dai toni polverosi arancio e rossi come i tramonti sulle cime innevate. Mani morbide che evocano maglierie di lana e tessuti, che smerigliati, esaltano la morbidezza e l’impalpabilità del tatto. Nota di contrasto solo nei tessuti tecnici di avvolgenti capospalla: caldissimi parka e piumoni.
The Journey Begins
A spasso per Londra: il look colto urban-sportswear suggerisce una polifonia di colori che su capi di spirito tradizionale ha un effetto di particolare audacia. Eccentricità che tuttavia non spezzano equilibri antichi dove noblesse oblige. Ecco allora il fango ed il blue dalla fiamma leggermente ottano, accendersi con l’improvviso accostamento degli azzurri, dei viola scuri e dei verdi, per infondere un soffio di spregiudicatezza al guardaroba di un vero country gentleman.

Categorie: Abbigliamento Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 29.03.2007
Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2007