Piacevolmente sorprendente la Collezione Byte per l’inverno 2007/08.
Sembra frutto di un gioco in cui si vogliono forzare ed esplorare accostamenti impensabili. Tessuti lucidissimi, accostati a peli lunghi e polverosi oppure mixati con agnelli, lisci e setosi come un velluto.
Ricami per sottolineare le forme, impunture per definire i colli e i polsi nelle pellicce e nei montoni. Combinazioni volute per sdrammatizzare i tessuti più classici e per creare effetti di volume su pellicce.
E poi il gioco continua con intarsi bianco/nero sul grande blouson logato, per il visone e il lapin, pulite geometrie per capi new-beat che rievocano John Cowan.
Costolature impunturate, arricciature come bracciali, intrecci tricot impreziositi da tocchi oro e argento…
Grandi parka in tessuto e pelo, con colli doppi movimentati da pieghe, che seguono il corpo come un’onda sensuale e avvolgente, o prendono forma se strizzati da alte cinture.
Il punto vita è segnato ma la silhouette si alza nei cappottini vagamente retrò interpretati con peli rasatissimi.               
La maglia doppia il pelo lungo o rasato in grandi cardigan e in piccoli accessori.
I colori vanno dal beige al nero, passando dal grigio al prugna, bianco e nero negli intarsi new optical e stampe ocelot su pelo rasatissimo, ironico come Biba sofisticato come Audrey.

Categorie: Abbigliamento Donna.

Articolo pubblicato da in data: 02.04.2007
Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2007