Nel rigore recuperato della forma, nel tratto preciso del colore, un nuovo gusto si afferma, libero dagli eccessi e dalle pressioni del momento. Un desiderio di ritrovare ritmi più calmi, di immergersi nelle sensazioni di una vita più intensa e ricca.
Vita di Sicilia, schiarita dal sole, rinfrescata da tessuti leggeri, areati, dai toni freddi: verde labradorite; bianchi spenti, come di muri sbiaditi; greige Armani tipo sabbia bagnata; blu opalescente da sartoria. Rever sottili, a scialle, su spalle ben costruite disegnano una silhouette più vicina al corpo, con pantaloni di dimensioni ridotte senza essere aderenti.
Il leatherwear scopre la leggerezza della pelle traforata, declinata con pelli eccezionali: pitone accoppiato a nappa e sfoderato; intrecciati; alligatore anche in una particolare lavorazione dalle scaglie leggermente aperte, che lasciano intravedere sotto.
Anche le scarpe favoriscono un passo tranquillo, rilassato, grazie ai mocassini-babouches tagliati lungo i fianchi e alla punta, sempre di pitone, e alle classiche scarpe da tennis nelle sfumature naturali. Materiali lavati e trattati accarezzano il più sottile dei sensi, il tatto. Tessuti da camiceria si trasformano in t-shirt: a manica lunga sono rese impeccabili e croccanti dai polsini tradizionali, a maniche corte sono definite da un piccolo bordo in maglia di seta. Per un’immagine fresca e pulita.

Categorie: Abbigliamento Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 12.10.2007
Ultimo aggiornamento: 12 ottobre 2007