Quali sono i must per la calzatura della prossima stagione? La forma “open-toe” certamente, nei fondi il plateaux ma anche il tacco stiletto, nei materiali l’utilizzo dei metallizzati a specchio…tutti trend che la collezione Vicini tiene in considerazione, ma interpreta poi a suo modo con lo stile che le è più congeniale: molto femminile ma con un pizzico di ironia.

“Vicini è una collezione costruita per essere scelta e interpretata, più che per imporre uno schema”, racconta Giuseppe. “E’ composta da gruppi di calzature veloci ma non necessariamente facili. Veloci come è necessario che sia un accessorio moda, ma non per questo scontati”.

Può essere considerata facile una calzatura che monta fettucce in seta di tre colori capaci, intrecciandosi e ruotando su se stesse, di creare un effetto tropici anni Cinquanta? Ma è solo un esempio del virtuosismo a cui questa collezione ci ha ormai abituati.

Più in generale, la collezione si caratterizza per un ribaltamento prospettico. “Abbiamo voluto sperimentare un nuovo approccio, il disegno è semplice sopra, accuratissimo sotto. Ne risulta una collezione architettonica con forti sottolineature degli elementi più grafici”, spiega Giuseppe. “E’ a Memphis che ho guardato: uno stile che negli anni Ottanta ha espresso esuberanza, glittery e un ironico tocco di kitch”.Ecco dunque comparire tacchi e zeppe scultorei, in colori brillanti – bianco, rosso, turchese, giallo, viola – esaltati dall’utilizzo di vernice morbidissima.

I colori sono invece esausti – beige, avorio, cielo e rosa cipria – quando compaiono i camosci: qui la vena si fa decisamente romantica, le forme sono meno esasperate e le altezze prevedono anche lo zero. A illuminare tutto c’è poi l’utilizzo dei metallizzati a specchio quasi sempre in combinazione.

“Nessuna calzatura Vicini è pensata per un’occasione”, conclude Giuseppe. “Non ce n’è bisogno per due ragioni molto semplici: perché si caratterizza in questo senso l’altra nostra linea Giuseppe Zanotti Design e perché la donna contemporanea decide spesso secondo l’estro del momento come ‘apparire’ per questa o quella occasione, senza alcun bisogno di seguire le regole o i dictat da questo o quello stilista”.

Categorie: Scarpe Donna.

Articolo pubblicato da in data: 05.03.2008
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2008