Musica da jukebox, capelli pettinati all’indietro e poster sul surf. La nuova collezione per l’estate 2008 presentata CUSTO BARCELONA si diverte a rivisitare i grandi successi del decennio più creativo del ventesimo secolo: gli anni sessanta.

MOTIVI: Direttamente dalla riviera mediterranea, strisce orizzontali di varie larghezze, percalle, lamé e motivi psichedelici importati dalle spiagge di Positano e Saint-Tropez in sella a una Vespa o ondeggiando su un Riva. Dal Pacifico, ragazze hawaiane, pappagalli, onde per surfisti, cartoline di pin-up, cowboy, film muti e i suoni dei tropici secondo Elvis, con un canto sommesso. Dall’oceano Indiano, fiori batik, tappezzerie dei bar di Hanoi, schermi di vetro colorato, paesaggi paradisiaci e il sole dorato che tramonta dietro le onde.

Come sempre, un mix, l’idea di divertimento di CUSTO BARCELONA, un cocktail frenetico di tessuti, motivi e riferimenti di moda dà vita a una collezione originale e unica, che capovolge i cliché e riduce in briciole i riferimenti nella centrifuga creativa di Custo Dalmau.

CAPI: naturalmente ci sono le T-shirts, top del genere femme fatale e camicette girly. Ma anche abiti chemisier, camicie da donna, tuniche a abiti a campana. E ampie gonne retro, gonne a campana con tasche e minigonne. I pantaloni sono dritti o a sigaretta, con tagli maschili o stile cowboy. E non mancano gli shorts, look classico anni sessanta, hot pants, stile sfrontato da pin-up o boxer, che hanno avuto origine sul ring per invadere poi le palestre e diffondersi nelle strade negli anni ottanta.

Giacche biker, felpe, giacche a maglia o impermeabili in tela cerata fantasia. E soprabiti estivi, spolverini supersonici e parka rivisitati.

Per i ragazzi, polo per tutti i gusti, camicie hawaiane, T.shirt e ampie camicie. Bermuda e felpe. Giacche di denim e pantaloni da cavallerizzo. Sahariane e giacche leggere.

TESSUTI: Mai da soli, sempre in compagnia, il mix di tessuti utilizzati nei capi CUSTO BARCELONA aggiunge un po’ di pepe all’inebriante miscuglio di trame. Lurex, inserti, batista di cotone, broccati, seta naturale e grezza, velluto, tessuti devoré, pizzo elasticizzato, lavorazioni a pizzo, denim, tele cerate, seersucker, sete lavorate a maglia, sintetici, pizzo guipure…

Finiture metalliche e in seta contrastano con maglia grezza e opaca, stile anni settanta. I colori, sebbene brillanti, hanno un look scolorito, usato. I tessuti tinta unita sono macchiati.

PARTICOLARI:
Le figure sui capi sono contornate da cristalli Swarovski: gatti e ragazze luccicano sul cotone opaco. Cerniere e bottoni ornano i capi, aprendo le gonne a campana davanti al centro. Le iscrizioni ricamate diventano patchwork. Gli “stemmi” sulle polo da uomo vanno dal surfista al pappagallo, senza dimenticare fiori tropicali o palme. Polsini e colletti dominano maniche e colli, in colori sgargianti, dove possibile. Il metallo lampeggia. I tessuti sono sovrapposti.

Colori: gamma di grigi, blu navy, bianco, beige con tocchi neon. Il nero fa da sfondo. Bagliori metallici.
Tessuti: seta, cotone mercerizzato, acetato e viscosa, nylon
Silhouette: fit aderenti, linee nette e pulite che definiscono la figura. Per la donna vita alta.
Pezzi di stagione:  Abiti in maglia e intrecciati nella donna. Colours: grey range, navy blue, white, beige with neon touches. Black as a base. Metallic brights
Fabrics: Silk, refined cotton, acetate and viscose, nylon.
Silhouettes: High waist for women, fitted pieces, pures lines which defien the silhouette
Highlights: Men: jackets and trench Women: woven and knit dresses.

Categorie: Abbigliamento Donna Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 24.04.2008
Ultimo aggiornamento: 24 aprile 2008