Twenty8Twelve è una data di nascita: il 28 dicembre. E’ la data di nascita di Sienna Miller, che assieme a sua sorella Savannah, ha creato una propria linea di abbigliamento femminile, battezzata appunto con il giorno del suo compleanno.

Twenty8Twelve by S.Miller è al White fino al 28 settembre

.“Beyond Mount Macedon” …La primavera/estate 2009 di Twenty8Twelve by s.miller trae ispirazione da film classici, icone del mondo culturale contemporaneo e ritratti moderni di figure storiche. Da principio, come avvolta nel mistero del film ‘Picnic a Hanging Rock’, la collezione ripercorre la vita appassionata e intensa della grande cantante Edith Piaf, per poi arrivare alla figura di Maria Antonietta proposta da Sofia Coppola. 

Un’ingenua sensualità e il lontano ricordo delle ragazze scomparse a Hanging Rock sono il leitmotiv dell’inizio della primavera, che si rifà all’epoca vittoriana. Tessuti eterei di batista delicatamente ricamata; giacche strette e avvitate costituiscono il pezzo forte; corsetti con allacciatura a gancetti nell’abito ‘Christabelle’ e il collo alto austero, chiuso con un fiocco della camicetta ‘Suki’, completano questa parte della collezione. La maglia  ‘Spencer’ a strisce multicolori, dalla texture consistente, rispecchia il tema dell’entroterra australiano. Grafiche scolorite e strisce delavé sulla giacca in cinz essiccato ‘Josie’ abbinata ai jeans ‘Iris’ in denim leggero trasmettono l’idea del mistero e di una romantica morbidezza. Le sfumature del sole nel paesaggio da sogno del film si riflettono nei sognanti lini crespi e nelle tonalità seppia dell’abito ‘Monette’ esaltate da oro vibrante, arancio naturale e rosso imperiale.

In netto contrasto, la mezza stagione esplora il secolo scorso, l’epoca surreale e di grande trasformazione pre e post bellica; l’epoca della grande cantante Edith Piaf. La collezione trae spunto dalla sua vita trascorsa all’inizio nel quartiere Belleville di Parigi, circondata dalla vibrante vivacità di poeti ed artisti,fino alla sua ascesa alla fama e al successo.

Il tubino nero – capo irrinunciabile dalla Piaf – viene riproposto in diverse versioni, dal modello ‘Terese’ stretto, con cerniere a vista, allo scenografico corsetto dell’abito ‘Varda’ con finitura in batista leggermente scucita. I capi stretti in lana e seta ispirati alla Dietrich degli anni ‘40 sono particolarmente sofisticati. Il jeans è a sigaretta, come nel modello ‘Norman’, nero lucido e nel colore del vino di Montmartre. Oppure a zampa d’elefante nei modelli ispirati alle star del cinema contemporaneo. Questa storia raffinata si colora di rosa intensi, bordeaux e verdi, mentre il cabaret ispira ‘Edith’, striscia che decora l’abito di seta ‘Jinny’, alcuni capi in cotone e splendide maglie scolorite. Una stampa floreale del tempo di guerra fa la sua apparizione su veli di seta in tonalità elettriche che mettono in risalto il grigio tortora industriale scelto da sfondo. Divertenti animali del circo appaiono su capi grafici che catturano il quadro surrealista dell’epoca.

La piena estate rinverdisce la pomposità sbiadita e il glamour della rivoluzione francese, sotto forma di silhouette generose che si ispirano alle scene del moderno ritratto di Maria Antonietta proposto da Sofia Coppola. L’enfasi è sottolineata da confetti, tulle, colori e trame derivati da fantasia e folklore.

Abiti raccolti con morbide pieghe aggiungono sottili ornamenti, mentre ricami leggeri e plissettature decorano capi come ‘Florelle’. L’intimo romantico è rivisitato negli abiti a sottoveste ‘Aziz’ di cinz lavorato. L’opulenza dell’epoca viene espressa nella maglieria in delicati misti di seta che aderiscono come una seconda pelle. La linea dei lini drappeggiati è casual, mentre i jeans in tenui sfumature di blu sono sottili o a zampa come il modello ‘Jack’, per uno stile più bohemien.

La sensazione di fantasia è accentuata da una delicata farfalla stampata che danza sul top di seta ‘Violet’, mentre la stampa di una rosa gigante pixelata orna l’abito ‘Dorris’. Le stampe sono addolcite da acquarelli liquefatti e tenui sfumature di amaretto.

In questa stagione Twenty8Twelve collabora con lo scultore e artista Felix Handley. Il lavoro di Handley si può notare sulla maglia stampata e sulle T-shirt e, più nascosto, nelle etichette dei capi.

Gli accessori per la primavera/estate 2009 comprendono nuovi modelli di borse che rendono omaggio allo stile e all’attenzione del marchio per i dettagli.
‘Varden’ fa parte di un gruppo di sofisticate borse casual disponibili in pelle color crema; tracolle e fibbie a contrasto ricordano i cestini usati per il picnic a Hanging Rock.

Targhe e nappe ispirate all’intricato design delle valigie degli anni ‘40 ornano il nuovo modello di borsa più sottile ‘Larkin’ e il bauletto ‘Billikin’. La clutch da giorno ‘Boase’ va ad aggiungersi alla nuova linea in pelle metallica con i modelli ‘Harlech’ e ‘Lezark’. La lussuosa pelle stampata a effetto struzzo incarna l’atmosfera retrò e la teatralità della collezione. Sia le borse sia le cinture sono dotate della classica chiusura della griffe Twenty8Twelve e piccoli portachiavi vintage a forma di chiave fungono da charms.

Categorie: Abbigliamento Donna.

Ultimo aggiornamento: il 27.09.2008