Questa sera in tv ritorna la coppia Fabio Fazio e Roberto Saviano, ma non su Rai Tre dove i due  nel novembre del 2010 avevano condotto Vieni via con me, programma che fece il record d’ascolti. Fazio e Saviano saranno in prima serata su  La7 l’attesa per il debutto di Quello che (non) ho, il nuovo programma  in onda per tre sere di seguito dalle Grandi Officine Riparazioni di Torino con ospiti fissi Luciana Littizzetto ed Elisa.

In questa nuova avventura Fabio Fazio e Roberto Saviano sono alle prese con il senso delle parole. Si tratta di un programma letterario, infatti viene portano in televisione il valore del racconto come responsabilità, le parole da difendere, da proteggere, quelle piu’ care e anche quelle da tacere, che disturbano il silenzio. A fare da guida sonora Fabrizio De Andre’ e la sua canzone che da’ il titolo al programma.  

A dare man forte ai racconti di Fazio e Saviano attraverso la scelta delle parole ci saranno anche degli ospiti a partire da Luciana Litizzietto, che in collegamento da casa propria, darà verve comica al programma, mentre la cantante Elisa eseguirà le cover degli anni ’70 da Bob Dylan a Cat Stevens fino alla musica di Woodstock.

Nel primo appuntamento, senza abbandonare la formula del monologo, Gad Lerner e Marco Travaglio che interverranno per parlare di crisi economica del momento difficile attraversato dalle piccole e medie imprese italiane. Pupi Avati, Pierfrancesco Favino, Paolo Rossi, Ermanno Rea, Erri De Luca regaleranno il proprio punto di vista su svariate questioni. Immancabili anche gli ospiti musicali che stasera saranno i Litfiba e Raphael Gualazzi.

Non mancherà spazio alle storie di chi resiste all’insostenibile e di chi ha scelto il suicidio per avere sollievo dai debiti e dalla mancanza di occupazione. E la prima serata del programma guarderà anche oltre ai problemi di strettissima attualità occupandosi anche dei cambiamenti del giornalismo con l’avvento dei new media. Dovrebbe essere presente in studio anche una mamma di Beslan, la località dell’Ossezia del nord dove si consumò una strage di adulti e bambini in una scuola presa di mira da separatisti ceceni e fondamentalisti islamici. La donna si concentrerà sulla parola ‘acqua’ per ricordare l’impossibilità di dissetare il figlio preso in ostaggio, nonostante la vicinanza a scuola.

Categorie: In Televisione Tag: , , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: