Jovanotti ha deciso di provare a conquistare il mercato americano, quello che ancora gli mancava per diventare un artista a livello mondiale, apprezzato universalmente, e lo fa con una compilation e con un tour che lo porterà a cantare nelle principali città d’oltreoceano.
La compilation si chiamerà Jovanotti 1988-20012 e consiste in una raccolta dei migliori successi del cantante in 24 anni di carriera, più quattro canzoni inedite.
Jovanotti ha già avuto modo di testare la reazione del pubblico americano alle sue canzoni nell’ambito di un importante festival musicale e forse è proprio per il riscontro positivo di quell’occasione che ha deciso di cimentarsi in questa nuova esperienza, in quella che viene considerata la piazza più difficile per quanto riguarda la musica.
L’etichetta di distribuzione che lo porterà in America non sarà la stessa che lo distribuisce in Italia, ma sarà la ATO e nella scelta dei pezzi da inserire in compilation, i produttori non hanno tenuto conto dei pezzi che hanno spopolato in Italia, ma sono stati scelti i pezzi che, secondo la storia della musica americana, possono essere più adatti a quel mercato.
Sarà una sfida anche per gli americani, che sono abituato a sentire le classiche canzoni sdolcinate dai cantanti italiani e che con Jovanotti si troveranno, invece, davanti a un cantante che va a invadere quasi, il loro territorio, con pezzi tendenti più al rap che al melodico, in uno stile personalizzato da Jovanotti.
Il tour verrà diviso in due parti, due segmenti,una prima parte fino al 19 agosto, per poi riprendere il primo di ottobre e concludersi definitivamente il 17; Jovanotti suonerà in grandi città come New York, Los Angeles, Miami, Washington e San Francisco.

Categorie: Curiosità.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: