The Gipsy Traveller….Policultura a largo raggio per l’intellettuale tzigano di CARLO PIGNATELLI Outside. Svolta nel patch-match per tessuti, colori, materiali e lavorazioni.

Montoni arricchiti di intarsi, lavorazioni patchwork,  utilizzate anche per giacche e gilet. Protagonismo nelle fantasie floreali per un mix-match dai richiami Felliniani.

La parola d’ordine è il “Gipsy Traveller” per la collezione CARLO PIGNATELLI Outside. Ovvero l’intellettuale tzigano, girovago su più fronti, in bilico tra le ispirazioni nostalgiche del musicista Goran Bregovic o le atmosfere cinefili del regista serbo Emil Kusturica. Ecco allora per questa stagione, la policultura a largo raggio, la svolta nel patch-match: tra tessuti, colori, materiali e lavorazioni, per una decontestualizzazione dei capi saldi del guardaroba maschile.

Cappotti in lana cotta dall’effetto destrutturato, scovati in guardaroba d’antan si indossano su maglie di cachemire o t-shirt “slabbrate” ad hoc. Particolare d’effetto: il rilancio sartoriale su look daté. Nuova chiave di lettura: l’utilizzo di tessuti double ovvero apribili, rifiniti a mano con piccoli punti. Montoni arricchiti di intarsi, tagli a vivo ma giocati nella lavorazione patchwork, utilizzata anche per gilet, giacche e originali berretti. Come vezzo, occhiali rétro dalle forme anni ’70 in tartaruga trasparente e metallo cromato che completano la nuova collezione degli accessori.
Protagonismo nei fiori – perfetto elemento dello stile hippy dai richiami al musical Hair  – per le camicie o i gilet a volte  tradotti  in tutte le declinazioni del paisley.
Silhouette altalenanti:  nei volumi a sigaretta, alternati da quelli slim fino all’over size per mix match tra outfit Felliniani che sembrano ripresi dal set del film “La Strada”.

Chevron, quadri, galles, rievocazioni al ‘68 con l’eskimo, fino ai tocchi di lustrini per le camicie da smoking.

I colori sono intensi, istantanee dei luoghi visitati e i paesaggi visti: il grigio asfalto di una strada, il nero delle ombre, il blu della notte, il bianco del cerone, il verde di foreste incantate, il marrone e il caramello di un violino, il viola di fiori magici,  i lustrini  di un costume di scena. Tutto in perfetta sintonia con suggestive atmosfere “girovaghe e circensi”.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 14.01.2008
Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2008