MF: Marella Ferrera….Lettera al Museo 1758-2008 …Un quarto di millennio ci separava….ma ci ri-unisce ora.

 

Un viaggio nel tempo, un canto delle sirene; arrivo a te in un percorso di cui non conosco ancora i passi ma li sento intrisi di ricordi, di visioni, di atmosfere conosciute un tempo…in quel tempo evocato, fuori dal tempo dove tutto s’intreccia, tutto si fonde insieme per ri-crearsi….per ri-creare.

Mi scopro mossa dai fili della memoria che diventano segni e disegni in un gioco d’incanto.

Frammenti di storia, parole di Goethe…..4 maggio 1787…"a dorso di un mulo raggiungemmo la regione delle lave ancora non dome dal tempo…ci avvicinammo poi alla rossa montagna; io cominciai a salire…" sull’Etna, anima vibrante, cuore pulsante del Mediterraneo dagli albori per oriente e Occidente, dea arbitra tra Demetra delle messi ed Efesto del fuoco, dea e madre delle ceneri feconde….

 

Nostalgie del divino femmineo, sogni d’oriente, un Mozart vissuto ai confini dell’Impero ottomani….pantaloni alla turcam la Regina delle Mille e una Notte….bretelle d’oro zecchino, corazza destrutturate, scene di caccia, maschile e femminile, solido e liquido, ferro e voile, dea e guerriero, ori e argenti in ricami del ‘700 come antichi racconti ri-scritti su corpi…corpi di doonne viaggiatrici nel tempo alla ricerca di antichi smarriti misteri, forse trovati negli scritti di Goethe o nelle note di Mozart….in quel loro viaggio…
Marella Ferrera

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 28.01.2008
Ultimo aggiornamento: 28 gennaio 2008