Alessandro Dell’Acqua Uomo Autunno/Inverno 2008 – 2009. Eco/Glamour.
È un lord ecologista alla David de Rothschild l’uomo pensato per l’Autunno/Inverno 2009 da Alessandro Dell’Acqua. Jet setter e globetrotter, vero dandy contemporaneo, alterna party mondani, partite di polo e spedizioni ai Poli. Icona di un nuovo stile, che abbina maxi maglie oversize ad asciutti pantaloni in faille di seta dall’allure sartoriale, leggerissimi spolverini da smoking in nylon (ma col collo di astrakan), giacche di ispirazione militare in panno di cashmere, beatles e chelsea boots o alte sneakers old school, con attacchi tecnici derivati da quelli degli scarponi da sci.

Tra Savile Row e Save the Heart
E ancora: giubbotti traveling bordati di pelliccia, pantaloni formali in jersey, tailored jacket e maxi giacconi explorer trapuntati, ma in maglia a punto grosso. Ed è la maglia (esplorata in tutte le sue potenzialità) la vera protagonista di questa collezione. Come per i pull norvegesi over size, che nelle loro elaborate lavorazioni combinano punti e jacquard mentre i ricami mixano temi araldici e fantasie folk.

Passando dall’Antartide ai club di Mayfair poi, ecco per la sera tuxedo e sottili smoking suit con accessori “knitting” in stile Grande Freddo: colli, manicotti, sciarpe, guanti di pelliccia lunghi, lunghissimi e corti. O ancora da action strap e imbracature da esploratore.

I colori: grigio fumo di Londra, white snow, nero smoking, beige e cammello, per giacche, completi e cappotti sartoriali più formali. Con qualche tocco verde muschio e rosso rubino.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 15.01.2008
Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2008