Nel creare la collezione Autunno/Inverno 2008-2009, LES HOMMES – HOMME trae ispirazione dalle suggestioni dell’era immediatamente seguente la Prima Guerra Mondiale e le mescola all’energia rivoluzionaria che ha caratterizzato la nascita del movimento punk alla fine degli anni ’70.

La Berlino anni ’20 del movimento “Glitter and Doom”, un’epoca di splendore e decadenza, di forti contrasti e di straordinario fermento culturale; le atmosfere riprodotte dai protagonisti del Verismo – Otto Dix, Max Beckmann e George Grosz in particolare – che hanno ritratto quel mondo composito e intrigante, popolato da prostitute, ruffiani, cocainomani e travestiti, soldati e uomini d’affari.

Anarchia, simbolismo militare, lotta contro l’establishment, luoghi e momenti in cui incontrarsi per condividere le idee: valori moderni e di rottura che dalla Germania anni ’20 attraversano i decenni e diventano cardini del movimento punk.

Queste le suggestioni evocate attraverso la scelta di materiali, tagli e proporzioni che caratterizzano la collezione, enfatizzate da scelte scenografiche di particolare suggestione.

I tessuti sono preziosi, a volte leggerissimi, a volte più corposi, sempre piacevoli al tatto; la maglieria è importante, spesso usata insieme al tessuto per creare insoliti dettagli di capi spalla ancora più caldi e avvolgenti.

I tagli sono sartoriali, le linee pulite e essenziali, i particolari curati con passione e attenzione estreme; la palette cromatica include nero, grigio e bianco, con accenni cammello.

Anche la sera è ricca di proposte, e di materiali preziosi come il velluto e il raso di seta o il lamé; alla gamma dei colori si aggiungono l’ametista e un’intensa sfumatura di verde scurissimo.

Un accessorio simbolo: una piuma di pavone dalla quale pendono piccoli ciondoli d’argento, fra i quali un monocolo e una lametta, rappresentazione e sintesi ideale dello spirito della collezione.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 13.01.2008
Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2008