“Come una scarpa, una borsa o un orologio, la pelliccia è un dettaglio, un valore aggiunto che crea un look di fondamentale importanza per la propria personalità.

Credo che ciascuno di noi abbia ormai ben chiaro nella mente la propria idea di moda: la mia donna-tipo non si lascia ammaliare da effetti speciali o dictat da fashion-victim, non vuole stupire gli altri ma vuole invece stupire se stessa, reinventandosi ogni volta e ricercando nel particolare accessorio esclusivo una propria intima gratificazione.

La mia nuova idea di pelliccia è questa: un piumino sfizioso o un gilet in cincillà; un paio di Superga con il lapin colorato o un caban in zibellino. Rompere gli schemi, ritrovare il gusto di giocare con le sovrapposizioni, affrontare la moda con divertimento e personalità.

C’è voglia di ottimismo, di pensare positivo ed in questa collezione traspare questa mia sensazione di fiducia nel futuro. La scelta di colori dominanti come il turchese, l’arancio, il fucsia, il viola … Rendono colore anche il bianco, il grigio ed il nero.

Un inno alla gioia; perché no … Una pelliccia ottimista per chi non solo vuole piacere ma anche, e soprattutto, piacersi.”

Una donna che gioca con stile a fare la ragazza o una ragazza che si diverte a fare la donna glamour, in un continuo creativo scambio di ruoli … Questo è il tema della nuova, originalissima collezione di Simonetta Ravizza.

Un mix di dettagli, linee e colori per capi trasversali e inter-generazionali. La pelliccia come lusso accessibile che diventa accessorio, anche attraverso piccoli pezzi, gilet, coprispalle, stole, piccoli colli da portare con disinvoltura per caratterizzare il proprio personalissimo look” “Non una testimonial ma un’amica; da anni

Simona Ventura

gratifica il mio lavoro di stilista indossando e scegliendo i miei capi per la vita di tutti i giorni, una complicità tra donne che ha fatto nascere l’idea suggestiva di averla in passerella come Guest Star per la mia sfilata a Milano Collezioni.

 

Una complicità tra donne – dicevo – ma anche tra “mamme” … una sintonia che si è tradotta nell’idea di aiutare una Casa di Accoglienza per bambini, un’associazione Onlus* a cui Simona è molto vicina e che mi ha segnalato come destinataria benefica.”

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 16.02.2008
Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2008