Lorenzo Riva lancia uno sguardo agli anni d’oro di un mito, ovvero agli anni settanta di Yves Saint Laurent e alle icone che hanno reso quel periodo elettrizzante, irripetibile e ancora di grande attualità. Lorenzo Riva pensa a Jerry Hall, Marisa Berenson, vere donne oltre che top; occorre fare in modo che ogni donna, magra o più in carne, possa portare i capi che vede sfilare. Proprio per questo Lorenzo Riva riprende il tailleur dai pantaloni ampi e dalle spalle naturali: trionfo di nero e bianco, panna, rosa, azzurro e marrone per questo capo evergreen. Quando la gonna sostituisce il pantalone, è dritta, dal ginocchio scoperto. In testa appaiano alcune Pamele. Lorenzo Riva riprende la sapiente costruzione di quei tempi e la riaggiorna per lo spolverino nero in stuoia di rafia lucida e spalmata o nella versione a macro-pois bianchi e neri. Pois che ritroviamo in una serie di abitini freschi in seta impalpabile, adatti per ogni momento della giornata. Un volo continuo di organze, chiffon, veli, con tocchi lucenti per un cocktail e una sera di gran classe come nel suo stile: setosi jersey rosa con ramage devote oro, organzini di seta corallo, turchese glam, mussole a stampa floreale, dove predominano i blu, i verdi e il turchese. Apparizioni di burette di seta spalmata argento che culmina nell’avvenieristica sposa in gonna-pantalone, con panta-strascico insieme alla sua doviziosa camicia di organza bianca.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 22.09.2008
Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2008