Marc Jacobs, Direttore Artistico di Louis Vuitton, porta in scena uno charm parigino colorato e multietnico in una collezione che mescola Oriente ed Occidente, arte africana e lusso francese, le atmosfere seduttive degli anni Trenta e Quaranta e il melting pot della Parigi contemporanea.

Una collezione moderna, colorata e ricchissima, da cui traspare un raffinato gusto della seduzione. Gonnelline di marab ispirate a quelle della ballerina francese degli anni Trenta, Zizi Jeanmarie; abiti cortissimi e giacche avviatate stretti in vita da cinture da kimono realizzati in  duchesse, damasco, chiffon e pelle in vivaci colori (oro, rosso, arancio, giallo, blu, viola, smeraldo) e ricamati con elaborati patchwork di pitone, pietre, piastre di bachelite e pizzo.

Sulle note delle canzoni di Edith Piaff , "La vie en Rose" e "Je ne regrette rien" le modelle avanzano sulla passerella su sandali dai tacchi vertiginosi decorati da maschere africane protagonisti della sfilata Louis Vuitton Primavera/Estate 2009 assieme alle borse, oversize o piccole pochette, in pregiati pellami esotici, damasco o pelle a stampa maculata ed ai gioielli, grandi collane ed orecchini di ispirazione afro in legno, resina e pelle iper-decorati.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 07.10.2008
Ultimo aggiornamento: 7 ottobre 2008