Fiori d’acciaio per Roberto Cavalli.

“Ogni collezione corrisponde ad uno stato d’animo” dice Roberto Cavalli.
“Cerco nuove sensazioni, nuove espressioni più moderne nel mio linguaggio.
Ogni ragazza desidera essere sexy, mettere in mostra la propria femminilità. In questa collezione più che mai regalo alle donne la possibilità di esprimere se stesse attraverso pezzi forti, di impatto, come le mini  borchiate e gli stivali altissimi.
Amo la donna, in ogni sua versione: delicata, sexy, aggressiva.
Oggi il romanticismo, semplicemente, non mi pare la scelta giusta. Bisogna aggredire per vincere. Ho dichiarato guerra alla crisi.
E sono ottimista: le stampe, animalier evanescenti a trompe l’oeil, sono come flash di luce; i tocchi di colore chiaro sono come luminose finestre su un futuro migliore, che sono sicuro arriverà presto”.

Roberto Cavalli’s key concepts.
-L’attenzione si è spostata dalla superficie alla struttura. I tagli e le costruzioni sono centrali, non più solo le stampe e i colori. 
-Una femminilità più decisa, giovane, e senza fronzoli.
-La donna Cavalli ha un rapporto positivo con il proprio corpo, che adesso è rivelato e fasciato, ma mai scoperto.

Silhouette. Body-conscious. Asciutta. Scattante.
Aderente sulle gambe, voluminosa sopra, con texture selvagge.

Key pieces. Miniabiti-armatura e micro-gonne a fascia completamente ricoperti di borchie. Maglie liquette multistrato, aderenti, di cashmere. Bluson e ampi cappotti di panno con inserti di pelliccia. Pantaloni-guepiere fittamente lavorati. Lunghe cuissard anatomiche di camoscio, chiuse da zip, con tacco d’acciaio. Lunghi abiti da sera di maglia see-through ricamati con anelli metallici.

Colori. Opachi. La palette è urbana. Nuance di grigio. Asfalto. Antracite. Blu notte. Nero denso. Tocchi di carne.
I toni neutri sono polverosi ma luminosi.

Stampe. Evanescenti. Giocano sull’inganno ottico, sull’illusione di profondità. Stampe fotografiche in trompe l’oeil creano nuovi effetti di movimento sugli abiti dal taglio essenziale. Animalier 3d, composti in puzzle complessi. Immagini sfumate di elementi metallici e rouche.

Tessuti. Materie più corpose del solito, ma ugualmente preziose.
Panno e feltro di puro cashmere. Flanella. Mohair.
Suede per abiti e accessori.
Garza di cashmere per la maglieria.
Crepe de chine.
Castoro, volpe, shearling a pelo lungo e corto.

Decorazioni. Intense, e mai leziose.
Mix di elementi metallici e borchie d’acciaio di varie forme e dimensioni.
Tutto è fittamente lavorato: la manualità che è propria di Roberto
 
Accessori. Definiscono la nuova immagine. Gli alti stivali sostituiscono i pantaloni. Le borse diventano protagoniste: grafiche e lineari, ricoperte di grosse borchie in rilievo, con tracolle a catena.

Categorie: Sfilate Moda Donna Autunno/Inverno 09/10 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: