CONNESSIONI METROPOLITANE PER EMPORIO ARMANI.
La moda come una forma di internazionalità. Come il piacere di mescolare sensazioni, che diventano colori, e impressioni, che diventano forme. Un gusto giovane, “personalizzato e pensato”, spiega Giorgio Armani, “determinato a scegliere una strada e a farla propria attraverso una sua eleganza naturale”.
E’ il ritratto della generazione individualista, forte dei suoi talenti, che vive un nuovo senso del gruppo, inteso come connessione, rete tra Paesi diversi, lavori, stili. E città: gli immensi organismi urbani come Tokio e New York, declinati per umori e momenti diversi.
PRIMO MOMENTO. Si afferma il nuovo abito di lana light, scattante ed extrafine, nei toni freddi del grigio. Di linea asciutta, con giacca dalle spalle definite, leggermente più lunga e con punto vita appena più basso, i pantaloni con piccole pinces sul davanti e risvolto, molto city ma confortevole. Come la t-shirt di jersey morbido, con un tocco quasi di seta. In alternativa, abiti di cotone ben fatti, costruiti, dai rever asciugati sulle giacche leggermente più corte. Trench e parka di lana tecnica, termosaldati, con interni impeccabili come l’esterno.
SECONDO MOMENTO. In un’atmosfera imprevedibile come quella di una città orientale di grande avanguardia, la forte presenza di fantasie e colori inediti. Come la giacca di rete tecnica a punta spillo contrastante (tipo tessuto da cravatta), e pochette di rete, e il pantalone stretch a metà coscia con parti anatomiche enfatizzate dal jersey e da tagli forti. Tessuti microforati costruiscono giacche e pantaloni insoliti e confortevoli: un motivo, quello del microforato, ripetuto anche per gli accessori.
TERZO MOMENTO. Gli abiti formali abbandonano ogni tono da cerimonia. Realizzati in ultraleggeri 130/140S, hanno pantaloni dalla linea asciutta, che scoprono leggermente la caviglia. Li completano camicie di cotone doppio, ritorto, bianche, con zip nere e di rete tecnica.
QUARTO MOMENTO. L’arancio come colore di attrazione e contrasto con bianco e nero: dalla giacca alla felpa, ai pullover in fettucce di pelle lavorate di maglia. Felpe con interni di nylon, maglie con interventi che sembrano stampe in digitale.
C’è un gusto innovativo, nell’aria, che cambia anche la creatività. Un tocco zen, con pois a contrasto e sfumature tra grigio fumo e acqua, caratterizzano magliette, bermuda, cardigan setosi, camicie, giacche formali e informali.

EMPORIO ARMANI OSPITA 100% BRUMOTTI
Vittorio Brumotti, in arte 100% Brumotti, aprirà la sfilata Emporio Armani uomo con una speciale performance esibendosi in spettacolari acrobazie con la sua bici.
Il campione del mondo di bike trial, inviato di Striscia la Notizia,  ha conquistato il suo quinto Guinness World Record lanciandosi da una roccia alta 17 metri in sella alla sua bici.
 

Categorie: Sfilate Moda Uomo Primavera/Estate 2010 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: