Il fascino della Legione straniera è l’ispirazione per la collezione uomo P/E 2010.
Il loro motto, "La legione è la nostra terra…" ne è l’espressione vera. L’immagine del legionario che assorbe la cultura del luogo, l’immagine di soldati che abbandonano la rigidità della tradizionale divisa militare per le tuniche sbottonate, e lasciano che il sole sbiadisca le loro uniformi.
A volte assumono l’aspetto tribale della cultura Tuareg, con pantaloni leggeri e morbidi, sandali in pelle, gioielli in argento, colori brillanti e stampe.

I colori: palette di neutri come il bianco, il sabbia e il kakhi con accenti brillanti di viola, di verde smeraldo, di arancio.

Silhouett
e: volumi più pieni, proporzioni più morbide e costruzione più leggera. Spalle naturali nelle giacche, t-shirt sensuali e maglie morbide, "djellahba" indossata sotto un abito classico. Stampe come se fossero le luci di un miraggio nel deserto.

Tessuti
: cotoni vissuti, lini stropicciati, mescolati a seta grezza e garza.

Pelle:
pesi impalpabili e pitone stone-washed.

Maglia: cotone, cashmere, cardigan abbinati a pelli lavorate.

Sera: look individuali, giacche, con tasselli di passamaneria o classici smoking con banda in silk e faille, entrambi ispirati alle uniformi da parata.

Accessori:  di ispirazione Tuareg e Nord Africa. Cinture in pelle intrecciata, borse da lavoro e pochette, bracciali in argento e pelle intrecciata, desert boots in canvas con suole cucite a mano e occhiali da deserto.
 

Categorie: Sfilate Moda Uomo Primavera/Estate 2010 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: