La leggerezza come forza trainante per definire nuovamente il guardaroba maschile. Un’esplorazione figurativa del corpo umano per celebrarne la grazia naturale. La ricerca costante di un’eleganza senza sforzo e di una disinvoltura naturale.
I quadri dell’artista giapponese Foujita – “Combat” e “Grande Composition” – come fedele fonte di
ispirazione: l’uso del colore, il diffuso senso di libertà, il naturale dinamismo dei corpi e la precisione del tratto.
I colori sono estratti dalla tela, quasi nebulizzati: una sequenza di beige, panna, avorio, grigio-nuvola e
azzurro-ghiaccio. Vibranti gradazioni di bianco dominano una palette mirata di colori appena visibili, iniettati di ossigeno per amplificare un’eterea iridescenza. Un intenso blu navy completa l’armonia cromatica.
I profili sono illuminati da uno spontaneo tratto dorato.
Il tema della polo, come elevata espressione di leasurewear. I tratti caratterizzanti sono integrati nella maglieria o applicati ingegnosamente alla sartoria. L’emblematica polo si tramuta in giacca o cardigan di maglia, conservando il comfort sensuale di un capo casual. Elementi tipici dell’intimo sono declinati in canotte sartoriali e fluide t-shirt di jersey.
La trama del piquet ridefinisce le superfici degli abiti classici.
Le giacche sartoriali sono pervase da un senso di disinvoltura, con spalle ammorbidite e una linea più ampia.
Peso ridotto per i blazer parzialmente sfoderati, sapientemente destrutturati, quasi sospesi.
L’abbottonatura delle giacche è collocata oltre il centro, producendo una morbida asimmetria che avvolge dolcemente il torace.
Un contorno arrotondato, ma preciso, asseconda in modo apparentemente casuale il corpo che si muove liberamente.
I morbidi popeline di cotone, i taffettà leggerissimi e i lini a trama fine sono inaspettatamente freschi e
impalpabili al tatto.
I lunghi cardigan e i trench-coats sfoderati sono accomunati da un linguaggio silenzioso, fatto di disinvoltura sensuale e leggerezza.
I cotoni spalmati preservano la leggerezza dei capispalla, aggiungendo un denso movimento.
Le maglie, quasi trasparenti, sono sovrapposte con naturalezza per esaltare la fisicità maschile. Stampe all over
per maglieria, camicie e pantaloni, accostate al luminoso candore del bianco.
Pantaloni dalla linea asciutta trattenuti sui fianchi da una cintura. Short sartoriali oversize accanto a nuovi pantaloni dalle linee arrotondate per suggerire il libero movimento del corpo.
La leggerezza come leitmotiv della collezione eyewear, con lenti sospese su montature metalliche ultraleggere, in tenui gradazioni di colore.
Sandali di pelle color cuoio producono un gioco di listini che si avvolgono sinuosamente intorno ai piedi.
Scarpe stringate alleggerite, parzialmente intagliate, in bianco, panna, cuoio e nero. Suole car-shoe
caratterizzano sia le stringate che i sandali. Una nuova tiplogia di scarpa nasce dalla fusione di componenti sportivi ed elementi tradizionali.

Categorie: Sfilate Moda Uomo Primavera/Estate 2010 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: