Michael Kors non è solo un geniale stilista americano apprezzato nel mondo. Dietro il pret-a-porter di lusso, gli splendidi accessori e tutto il meraviglioso mondo del brand preferito da Michelle Obama, si cela l’uomo Michael Kors. Un personaggio da sempre sensibile ai problemi sociali, capace di dimostrare la sua solidarietà con i più deboli a fatti, non solo a parole.

Dopo aver donato lo scorso ottobre 5 milioni di dollari ad un’associazione che si occupa di cucinare e consegnare cibo alle famiglie seriamente indigenti della contea di New York, oggi Michael Kors rinnova il suo impegno nel sociale collaborando con World Food Programme: l’ente americano che da cinquant’anni combatte la fame nel mondo. Un’organizzazione che lavora in 70 paesi nel mondo e sfama ogni anno 90 milioni di persone.

“Sono molto orgoglioso di entrare a far parte del WFP e dare il mio contributo – afferma Kors – ho avuto la fortuna di viaggiare molto per il  mondo e conosco le realtà dei paesi più poveri, il problema della fame si può risolvere ed io voglio far sentire la mia voce”.

Michael Kors non si limiterà a fare donazioni, scenderà in campo aiutando a raccogliere fondi con eventi speciali per sensibilizzare il pubblico e gli addetti ai lavori della moda; ma soprattutto usando quello che meglio sa fare: la sua creatività. A marzo uscirà una speciale collezione di orologi unisex chiamata “Watch Hunger Stop”. Per ogni orologio venduto, World Food Programme potrà sfamare 100 bambini e perseguire l’obiettivo di garantire non solo la sopravvivenza, ma il pieno sviluppo del potenziale umano a cui ogni essere vivente ha diritto.

Categorie: Costume e società Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: