Se la primavera estate 2013 di Rosè a Pois aveva sviluppato una linea sullo stile coloniale, il prossimo autunno inverno 2013/14 del brand e’ all’insegna dell’ironia,della natura, del colore e della materia.

La donna disegnata da Gioia del Frate, è fortemente legata al mondo naturale che la circonda, in un atmosfera invernale gioca con abbinamenti inediti di colori e di materiali, accostamenti di rasi lucidi a tessuti lanosi.

Una palette cromatica che spazia dal color cammello, il curry, il marrone, il verde, il malva, l’ arancio, il prugna che richiamano la terra e creano un legame stretto ed armonioso con essa.

Ampie e morbide gonne, in raso lucido o in lana, portate appena sopra il ginocchio e strette in vita per sottolineare la femminilità, cosi come i pantaloni che scoprono appena la caviglia, ostentano un’eleganza borghese, ironicamente aristocratica e snobby .

Anche gli abitini tubolari si appoggiano leggermente sopra il ginocchio. A contrasto maglie oversize, in lana tricot o micro golfini a righe o in tonalità pastello.

Di grande effetto i capispalla: la stilista gioca con cappotti, scialli, gilet, cappe e cardigan.

Sono i coat a dare carattere alla collezione dettandone i volumi.

Dai giacconi strizzati in vita e panciuti sui fianchi ai cappotti dai tagli geometrici e effetti spalmati che creano iridescenze.

Nuovi i modelli patchwork con inserti di tessuti floreali.

Si inseriscono nella collezione anche le divertenti t-shirt con simpatici animali del bosco, come la volpe e la puzzola con code penzolanti ed una serie infinita di accessori, spille floreali di tessuto o lana da combinare insieme o usare singolarmente su maglie cappotti o cappelli, ma anche pochette in velluto e cappellini bon ton o cuffie in lana.

Categorie: Abbigliamento Donna Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: