Il cibo italiano spopola in America, non c’e’ che dire.
Michelle Obama ne va pazza, ed è stata spesso paparazzata fuori da locali dove si mangia “decisamente bene e in modo salutare”.

Un nuovo indirizzo, da mettere in agenda, se siete in partenza per New York City è quello della Salumeria Rosi Parmacotto.

Ben due indirizzi a Manhattan in 903 Madison Avenue,  per scoprire e gustare il meglio della tradizione gastronomica made in Italy

La Salumeria Rosi Parmacotto – Il Ristorante, recentemente inaugurato dal Gruppo Parmacotto a Manhattan – tra la 72° e la 73° strada – è la location ideale per fare una pausa dallo shopping dell’esclusiva Madison Avenue.

Il locale, firmato nella scenografia dal tre volte premio Oscar Dante Ferretti che ha scelto di rievocare il suggestivo Impero Romano – emblema della cultura, dell’arte, dell’architettura e del saper vivere italiano – offre dalla colazione alla cena, passando per il brunch, un menù ricco di specialità gastronomiche, rigorosamente preparate con ingredienti freschi dal noto chef Cesare Casella.

Sperimentare il “nuovo menu” proposto dallo chef con ingredienti semplici contaminati dai sapori inconfondibili del Mediterraneo come il Polpo, la tipica Ribollita, il Pasticcio all’Amatriciana, ispirato alle classiche lasagne “arricchite” dai salumi Parmacotto, o il tradizionale Ossobuco servito con polenta e pinoli.

Per chi si trova invece nell’Upper West Side di Manhattan può fare una sosta al 283 di Amsterdam Avenue alla Salumeria Rosi Parmacotto, accreditata meta di riferimento per Italian gourmet e segnalata dalla prestigiosa Guida Zagat, l’indirizzario gastronomico più autorevole degli Stati Uniti.

Un’ambientazione insolita che ricorda la stiva di una nave, a firma Dante Ferretti, accoglie i clienti che potranno provare gli appetitosi “assaggi dalla cucina”, così come ama definirli Casella, come i saporiti Matuffi, fatti con polenta, ragù e pecorino romano, e la saporita Salsiccia hand made con finocchio, aglio e spezie, servita con fagioli e pomodori.

Categorie: Costume e società Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: