Fiori d’arancio per Valeria Marini, la più popolare soubrette italiana, che presto si sposerà con l’imprenditore Giovanni Cottone.
La data è fissata per il pomeriggio di domenica 5 Maggio. Valeria, fedele religiosa, potrà coronare il suo desiderio di sposarsi in Vaticano.

La tanto attesa cerimonia avrà luogo nella Basilica di Santa Maria in Arcoeli, con la benedizione di Monsignor Francesco Gioia e la presenza di ben otto testimoni e quindici paggetti. Fra i testimoni della sposa sono già stati annunciate le amiche Maria Grazia Cucinotta, Ivana Trump ed Anna Tatangelo, e per lo sposo, il cantautore Gigi D’Alessio.

L’intera organizzazione è stata affidata alle mani esperte del noto wedding planner Enzo Miccio. Il ricevimento si terrà a Villa Piccolomini sull’Appia Antica e vedrà la straordinaria partecipazione della pop star britannica, Craig David, che si esibirà in una performance live. Molto lunga è la lista degli invitati, attualmente sono 600, tanti ed importanti li definisce la splendida futura sposa.

Ancora tanta discrezione sull’abito nuziale della Marini, per il quale aveva indetto un concorso su internet, aperto a tutti i suoi fan e con lo scopo di dare a giovani stilisti l’opportunità di realizzare un sogno. ” Sono arrivati centinaia di bellissimi disegni, la scelta è stata difficile ” ha annunciato la Marini, ma non si è lasciata sfuggire alcun particolare. Il fortunato vincitore del concorso non solo avrà il piacere di vedere il proprio bozzetto realizzato da parte di una grande sartoria, ma otterrà anche un anno di stage nell’atelier di quest’ultima.

Per i regali, invece, la Marini ha optato per qualcosa di generoso, discreto e sobrio. Nessuna lista di nozze, bensì ogni ospite è invitato a fare una donazione direttamente all’AMRI (onlus che opera in favore dei bambini affetti da malattie reumatiche infantili) o alla Fondazione Artemisia (Fondazione con lo scopo di sostenere la ricerca sulle patologie della Gestante e del Feto).

Categorie: Curiosità Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: