Elena Santarelli improvvisa uno strip-tease nel bel mezzo della conferenza stampa di Infiore, il brand di biancheria intima di cui la showgirl è ora testimonial.

Per dimostrare la ‘bontà’ del prodotto da lei reclamizzato, Elena si è sbottonata la camicetta con un fairplay da spogliarellista consumata ed è rimasta in reggiseno, fasciata da una gonna a tubino nera miracolosamente rimasta al suo posto. Cosa non si fa per un po’ di pubblicità!

Un gesto che da solo vale più di mille campagne pubblicitarie o presentazioni alla stampa, dal momento che i giornalisti e fotografi presenti, sono impazziti e hanno ripreso l’improvvisato siparietto della Santarelli, dando ampio risalto all’evento sui media. Del resto, stiamo parlando di biancheria intima, è normale da parte della testimonial di Infiore mostrare la mercanzia per reclamizzare un nuovo modello di reggiseno.

Il piacevole intermezzo di Elena Santarelli fa parte di una strategia messa in atto per attirare l’attenzione sul prodotto e sulla sua madrina.

Elena prima della conferenza stampa aveva fatto un annuncio provocatorio dalla sua pagina Facebook: “ Le immagini della campagna Infiore sono ritoccate con il Photoshop… guardate e scorpritelo voi dove”. Sai che novità, verrebbe da dire. Tuttavia si tratta di un ritocco ‘al contrario’, ovvero gli addominali della soubrette erano troppo definiti per l’azienda italiana produttrice di intimo, che preferiva un addome più soft. Da qui è nata l’esigenza del foto-ritocco e forse, anche l’esigenza della Santarelli di mostrare alla stampa il frutto di tante ore passate in palestra per rendere il suo corpo perfetto per la campagna pubblicitaria. Troppo perfetto.

Categorie: Curiosità.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: