Due nuovi showroom monomarca rafforzano e accrescono la presenza europea di ARTEMIDE Group Spa: le città che li ospitano sono due grandi e importanti metropoli europee, Vienna e Francoforte. Entrambi progettati dallo Studio Carlotta de Bevilacqua, i nuovi showroom seguono un concept espositivo che intende presentare i “prodotti luce” come espressione della light competence e light performance del marchio ARTEMIDE.

I due showroom sono un luogo d’incontro fra le attese di due grandi ed evolute città e le potenzialità formative e di consulenza proprie dell’Azienda, per creare un rapporto anche qualitativamente approfondito con l’intera collezione di prodotti e di performance luminose, capaci di soddisfare pienamente le esigenze delle persone in ogni momento del vivere, dalla casa al lavoro, dall’indoor all’outdoor.

Lo showroom viennese, inaugurato il primo ottobre, situato in Gonzagagasse 1/Morzinplatz, si estende su una superficie complessiva di 500 m2 ed è suddiviso in tre livelli, in cui i prodotti e le performance luminose vengono ambientati con la massima visibilità. Il piano terra è il luogo dove l’emozione della luce racconta l’emozione del design, dove trovano spazio la storia e l’attualità di Artemide, con i nomi più importanti della progettazione di ieri e di oggi. Il primo piano ospita l’area dedicata a professionisti e utenti specializzati (ospitalità, uffici, interni ed esterni urbani), grazie anche all’acquisizione del gruppo NordLight. In questo spazio la competenza Artemide si esprime attraverso performance collegate a soluzioni innovative come l’energy saving, l’intelligenza e il controllo diretto della luce attraverso touchpanel e remote-control.

Lo showroom di Francoforte, aperto dal 6 ottobre, è al 10 di Baseler Strasse. La sua superficie, di  180 m2 e suddivisa su due livelli, offre la massima visibilità dei prodotti e delle differenti performance luminose. Il piano terra, dove sono di scena il design e la competenza Artemide, e il primo piano, che si rivolge ai professionisti della luce, Gli spazi sono collegati da una scala concepita come una “gallery” della storia di Artemide, parte integrante della storia del design italiano.
Lo spazio espositivo di entrambi gli showroom è stato progettato per rendere protagoniste le capacità della luce di interpretare l’architettura degli ambienti. Gli ambienti hanno una configurazione versatile in evoluzione dinamica, per creare dimensioni aperte e interpretabili grazie a quinte luminose che, con un semplice movimento di rotazione meccanica, permettono grandi possibilità interpretative. Le luci Artemide si integrano nello spazio architettonico e ne divengono interpreti: Pannelli Rothko creano un’infinita dinamicità cromatica; le direttrici luminose a pavimento Assume Nothing orientano il visitatore nell’incontro con lo spazio e lo guidano verso la percezione delle performance.
 
A partire dal progetto The Human Light, ARTEMIDE approfondisce la relazione tra uomo, spazio e luce, nella convinzione del consumo responsabile: Responsible Light. Il progetto di uno showroom diviene quindi il momento di espressione della consapevolezza e della responsabilità necessarie nella messa in scena della luce. Una progettualità in cui l’innovazione si concretizza attraverso un modello di gestione ambientale, ed  attraverso le nuove intelligenze per il controllo dei consumi permette un gesto di responsabilità nei confronti del pianeta, e di consapevolezza verso un futuro che può tradursi in una evoluzione creativa e responsabile del fare luce.

Categorie: Trade News.

Ultimo aggiornamento: il 27.10.2009