Anche se c’è ancora chi si ostina a fare colazione con un caffè preso al volo, si sa che il primo pasto della giornata è forse il più importante di tutti. E’ il buon giorno quotidiano che diamo al nostro corpo, quella gratifica così importante da concedersi per iniziare con l’energia giusta le sfide di ogni giorno.

Allora bando a brioches ricche di grassi saturi o a merendine confezionate cariche di zuccheri e ricarichiamoci le batterie con le vitamine della frutta e qualche sano carboidrato. Pane e marmellata è la scelta ideale… proprio come un tubino nero, perfetto, senza tempo e veloce.

Ce lo insegnava già la nonna, pane e marmellata (la coccola del burro magari regaliamocela con parsimonia) è un modo sano e goloso per aprire le porte al nuovo giorno. Naturalmente meglio optare per prodotti biologici, come un fragrante filone di pane di kamut, di farro o ai cereali, purché sia lievitato naturalmente con lievito madre. Non solo più sano e saporito, ma anche più pratico in quanto si conserva fragrante e profumato anche per 5 giorni.

La marmellate poi ci aprono un mondo… purché sia però rigorosamente bio perché ci garantisce l’utilizzo di frutta non trattata chimicamente e gli zuccheri contenuti sono quelli provenienti dalla mela o dall’uva, dunque non nocivi rispetto al temibile saccarosio. Se a questi elementi aggiungiamo una bella tazza di tè verde, ecco che in pochi minuti ci siamo regalati una colazione sana e buona.

Il tempo è tiranno, specialmente al mattino quando dobbiamo uscire di casa per arrivare al lavoro puntuali, ma nella frenesia mattutina delle nostre cucine è d’obbligo trovare pochi minuti di quiete per gustarci la nostra colazione: momenti preziosi in cui l’attenzione è rivolta solo verso noi stessi e quello che stiamo mangiando, quasi una pratica Zen per ritrovare l’anello di congiunzione tra la nottata appena conclusa e l’alba di un nuovo giorno ricco di armonia.

Categorie: Speciali e Interviste.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: