Un nuovo libro dedicato ai progetti del marchio nel campo della moda, della comunicazione, dell’architettura, del cinema e dell’arte.
Questo libro vuole ripercorrere e illustrare i molteplici aspetti attraverso i quali Prada si esprime: dalla moda alla comunicazione, dalla ricerca dell’eccellenza allo sviluppo tecnologico, dall’architettura all’arte.
Tutti questi aspetti fanno parte del suo costante impegno nel mondo delle idee e dell’innovazione. Per Prada “moda”, “lusso” e “stile” hanno sempre rappresentato un progetto più vasto di un’elementare e infinita produzione di vestiti, scarpe e borse.
L’osservazione e la curiosità nei confronti del mondo, della società e della cultura sono sempre state alla base della creatività e della modernità di Prada; questo ci ha spinti oltre i confini delle boutique e degli showroom, portandoci a interagire con mondi diversi, apparentemente lontani, e a introdurre così naturalmente, quasi inconsciamente, un nuovo modo di fare moda.
Miuccia Prada e Patrizio Bertelli

Il 5 novembre 2009 Prada presenta una nuova pubblicazione sul suo lavoro trentennale nel mondo della moda, dell’architettura, del cinema e dell’arte, rivelando gli aspetti sperimentali, spesso rivoluzionari, della sua visione. Il libro sarà presentato durante un party esclusivo e una conferenza stampa a Milano, presso la storica boutique Prada di Galleria Vittorio Emanuele II. Al lancio farà seguito una serie di eventi speciali che avranno luogo nei negozi Prada più rappresentativi nel mondo e nei tre Epicentri di New York, Los Angeles e Tokyo.
Cronologia, documentario e catalogo ragionato, il volume traccia la mappa di un’attività creativa che supera e scardina la semplice definizione di “casa di moda”. La partnership tra la stilista Miuccia Prada e l’imprenditore Patrizio Bertelli ha dato vita a un ventaglio sempre più ricco di progetti, che parte da moda e accessori per arrivare a fotografia, campagne pubblicitarie, eventi, interior design, industrial design, sviluppo tecnologico, architettura, commissione/collezione ed esposizione di opere d’arte, editoria, filantropia e molto altro.
Ideato e curato da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, insieme ai collaboratori di lunga data Michael Rock e Sung Joong Kim di 2×4, New York, questo libro di 708 pagine ripercorre dall’interno una storia assolutamente unica. L’intento è esplorare la complessità della produzione di Prada e accostare il lavoro dell’ufficio stile a quello dell’atelier e alle numerose partnership creative avviate insieme a fotografi, designer, architetti e registi, fino ai grandi progetti architettonici commissionati su larga scala, alle attività della fondazione d’arte e alla creazione di un nuovo museo.
Il libro si apre con un’introduzione che ripercorre la storia dell’azienda e si sviluppa in due parti. La prima offre una visione dall’interno: i processi, le dinamiche, il design e le strategie espositive. Questa sezione, chiamata Inside, contiene un saggio fotografico di Brigitte Lacombe, celebre fotografa e collaboratrice di Prada, che documenta il processo crudo e vitale alla base della creazione dei prodotti di alta classe dell’azienda. Gettando uno sguardo rivelatore sul lavoro di Prada e sull’identità del suo ufficio stile, il saggio presenta inoltre i fotogrammi tratti da una serie di cortometraggi sulla lavorazione
artigianale dei prodotti e le immagini degli allestimenti realizzati per le sfilate, affiancati a una visione d’insieme di tutte le collezioni create da Miuccia Prada, a immagini in miniatura di 3.885 diversi “look”, ai collage delle scarpe e delle borse più emblematiche e alle fotografie delle creazioni finali presentate in passerella.
La seconda parte, Outside, racconta Prada fuori dalle mura dell’azienda: il fenomeno pubblico che abbraccia architettura, eventi esclusivi, party, mostre, film, fino alla sfida della Coppa America. Questa sezione presenta nel dettaglio i celebri “Epicentri” realizzati a New York e Los Angeles da Rem Koolhaas/OMA e a Tokyo dagli architetti Herzog & de Meuron, oltre alla collaborazione cinematografica con il regista Ridley Scott, al cortometraggio d’animazione “Trembled Blossoms”, alla creazione di costumi per l’eroina di un manga giapponese e al “Prada Transformer”, progetto architettonico radicale e innovativo ideato da Koolhaas a Seoul. I capitoli restanti si occupano infine di rintracciare la presenza di Prada nel quotidiano, indossata dalla gente comune o dalle celebrità sul red carpet, e in rete, dove gli amanti della griffe esprimono la propria devozione quasi fanatica su blog e annunci eBay.
Poiché la pubblicità è spesso la forma di mediazione tra un marchio e il suo pubblico, le sezioni Inside e Outside sono separate da un capitolo dedicato alle campagne. Qui compaiono tutte le pubblicità Prada a partire dal 1987: scatti realizzati dai più grandi fotografi del mondo, che ritraggono personalità di fama internazionale.
La sezione finale, dedicata alla Fondazione Prada, analizza l’attività di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli nel campo editoriale e delle esposizioni d’arte e il loro lavoro a stretto contatto con i più significativi esponenti dell’arte contemporanea internazionale, cooperazione che ha portato alla creazione di opere uniche. Il libro si conclude con un ambizioso progetto per il futuro: la creazione di un nuovo museo ideato da Rem Koolhaas e attualmente in fase di realizzazione nella periferia industriale di Milano.
A partire dal mese di novembre di quest’anno il libro sarà in vendita nei negozi Prada di tutto il mondo e sul sito prada.com, oltre che nelle migliori librerie.

Categorie: Arte Tag: .

Ultimo aggiornamento: il 05.11.2009