L’eccellenza orafa va in scena all’insegna del design Tornano alla loro seconda edizione gli Italian Jewellery Awards, il più importante riconoscimento italiano per il mondo della gioielleria e del design del gioiello.
L’iniziativa nasce dalla volontà della Regione Campania di promuovere quelle antiche e straordinarie eccellenze orafe del proprio territorio e dei propri distretti nell’ambito più ampio del coinvolgimento e della valorizzazione di tutto il settore.
L’evento ha preso il via lo scorso anno nella splendida cornice di Amalfi, alla presenza di ospiti illustri del panorama internazionale del gioiello, al fine di rafforzare l’immagine di un territorio ricco di plurisecolari tradizioni, e di costituire un volano per l’intero comparto della gioielleria made in Italy.
Con il 2009, gli Italian Jewellery Awards consolidano il proprio ruolo di motore per l’intero sistema produttivo orafo italiano, coinvolgendo attori primari del settore e candidandosi a rappresentarne un riferimento imprescindibile per la promozione delle proprie eccellenze a beneficio della migliore gioielleria campana e di tutti i distretti orafi italiani.
I promotori
La manifestazione è promossa dall’Assessorato alle Attività Produttive e Turismo della Regione Campania e organizzata in partnership con Spring Fair International/The Jewellery Show, la manifestazione fieristica leader nel Regno Unito per il settore della gioielleria.
Il nesso con l’esposizione inglese acquista particolare significato grazie al gemellaggio con i prestigiosi UK Jewellery Awards. In virtù di questo legame è stata inserita durante lo svolgimento degli UK Jewellery Awards una nuova categoria di premio dedicata esclusivamente al gioiello italiano e sponsorizzata da IJA/Regione Campania. Inoltre, l’autorevole rivista inglese Retail Jeweller organizzatore degli UK Jewellery Awards e appartenente al gruppo EMAP, organizzatori di Spring Fair International/The Jewellery Show, è per questa seconda edizione media partner ufficiale internazionale di IJA.
L’edizione 2009 inaugura inoltre una nuova importante collaborazione con la prestigiosa testata Vogue Gioiello del gruppo editoriale Condé Nast, che assumerà il ruolo di media partner dell’evento.
Di grande importanza anche il coinvolgimento delle maggiori realtà imprenditoriali campane, che supportano l’evento in qualità di sponsor, e che trovano espressione nel Consorzio Borgo Orefici, Vulcano Pro-Mart, il Tarì e Consorzio Oromare, veri tenutari della tradizione manifatturiera e artigianale dell’oreficeria campana.
Da questa edizione è stato inoltre acquisito l’importante patrocinio da parte di Fiera di Vicenza e di ICE, l’Istituto nazionale per il Commercio Estero, a conferma del riconoscimento e del consenso che IJA sta riscuotendo sul territorio nazionale e della sua valenza extraterritoriale.
L’iniziativa è organizzata da Spring Fair International/Universal Marketing.
Italian Jewellery Awards 2009
Nel 2008 una giuria di indiscutibile valore e competenza, coordinata da Alba Cappellieri, ha dichiarato vincitori dalla competizione brand prestigiosi come Vhernier, Chantecler, Damiani e Dodo, mentre ha voluto premiare come migliori designer Giancarlo Montebello, Massimiliano Bonoli e Marisa Horden.
Alla seconda edizione degli IJA, viene confermata al coordinamento della giuria la presenza di Alba Cappellieri, professore associato di Design del Gioiello presso il Politecnico di Milano e storica del design, che anche per il 2009 organizzerà il lavoro di selezione dei finalisti.
Si rinnova invece il panel dei giurati di ineccepibile profilo: vi siederanno Luisa Bocchietto, presidente ADI, Riccardo Dalisi, architetto e designer di chiara fama, Ilaria Danieli, caporedattore di Vogue Gioiello, Sarah Carpin, direttore della prestigiosa rivista inglese Retail Jeweller, Maria Doulton, giornalista inglese specializzata nel gioiello, e David Metcalfe, Presidente della Federazione Nazionale Britannica di Gioielleria.
Al centro di questa seconda edizione saranno proprio l’innovazione e il design come elementi distintivi di eccellenza il filo conduttore delle otto categorie di premi previste.
Ben quattro tra questi andranno ai migliori designer che si sono distinti in campo orafo nel corso dell’anno passato. Le restanti categorie di premi saranno assegnate alle aziende che maggiormente hanno saputo fare dell’innovazione la propria cifra, non solo in termini di prodotto ma anche di comunicazione e retail.
 

Categorie: Trade News Tag: .

Ultimo aggiornamento: il 06.11.2009