Sex and The City è stata per molte di noi una vera e propria “Bibbia” per come comportarci con gli uomini, imparare a vivere la vita, ma anche e soprattutto fonte di ispirazione per i nostri look.
Chi non è rimasta ore a guardare puntata dopo puntata i vestiti e le scarpe delle “ragazze” alzi la mano!
Oggi vogliamo fare un viaggio nel tempo guardando ai grandi cambiamenti della raffinata Charlotte.

Ovvero Charlotte York, una delle protagoniste più amate e apprezzate della celebre serie interpretata dall’attrice americana Kristin Davis.

Charlotte York è una delle principesse dello stile femminile e raffinato per eccellenza.

Indossa costantemente abiti che sembrano appositamente modellati sulla sua figura e sulla sua personalità. Le calzano sempre a pennello delineando la sua silhouette perfetta e portano le firme dei più grandi stilisti di chiara fama mondiale come ad esempio Chanel, Ralph Lauren e Burberry.

In genere preferisce vestire abiti molto femminili con una lunghezza media che le sfiora a malapena le ginocchia e le mettono in risalto il punto vita sottile e modellato a regola d’arte.

Adora i vestiti in rosa pallido e quelli a pois più o meno grandi anche se talvolta, soprattutto in primavera e in estate, preferisce vestirsi con abiti più comodi stampati con grandi disegni floreali che comunque le garantiscono di esibire come su di una passerella costante tutto il suo charme di raffinata signora.

Charlotte York impronta da sempre tutto il suo look sulla femminilità ricercata, l’eleganza e la delicatezza di una sensualità che mai viene esibita ma al massimo suggerita dietro un alone di mistero.

Nonostante sfoggi costantemente scarpe, borse e gioielli estremamente costosi, da diva di Sex and the City non porta mai con se alcunché di esageratamente appariscente. Utilizza la moda per accentuare i suoi pregi in maniera sobria ed elegante e mai viene proposta in una veste che non le si addica o che la renda poco femminile e priva di sensuale eleganza.
Foto Credits – HBO

Categorie: Moda Donna Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: