Giulia Di Quilio, attrice e modella abruzzese, nata a Chieti il 14 novembre 1980, si trasferisce a Roma, non ancora maggiorenne, per seguire i corsi di recitazione presso il laboratorio teatrale “Ribalte” di Enzo Garinei.

Comincia a muovere i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo lavorando come testimonial e modella, e soprattutto sfilando per i nomi più prestigiosi della moda e dell’ haute couture italiana.

Il suo primo ruolo di rilievo al cinema, dopo qualche esperienza teatrale, è del 2006 con il docufilm “Le ferie di Licu” di Vittorio Moroni. Subito dopo arriva la partecipazione al film “La sconosciuta” di Giuseppe Tornatore dove oltre al ruolo della segretaria degli Adacher presta anche il corpo in tutte le scene di nudo,come doppio,alla protagonista Xenia Rappoport.

Si susseguono nel suo curriculum ruoli in lungometraggi e film come “Al termine della notte” (che le vale il suo primo riconoscimento come miglior interpretazione femminile al Festival “Visioni di Fata Morgana”, curato e diretto dal critico Bruno Roberti.) “Cane nero” per la serie “Crimini”, diretto da Claudio Bonivento, “Amore 14”, diretto da Federico Moccia ed inoltre interprete in numerosi spot tra i quali ricordiamo Toyota Yaris Now e GQ magazine.

Nel 2010 scopre la passione per l’arte del burlesque,dove riesce ad unire la sua natura di performer al fisico da pin up, iniziando così un nuovo percorso artistico ì che la porterà a partecipare dapprima al talent televisivo in onda su Sky Uno “Lady Burlesque” arrivando tra le finaliste, e successivamente,nella stagione teatrale 2011/2012 nel musical burlesque “Dalla foglia alla Voglia” diretta dal Maestro Gino Landi in scena dall’ 8 Marzo sino al 13 Maggio 2012 dove Giulia Di Quilio da’ la prova di essere un’artista completa,capace di recitare,ballare e cantare sulla scena,e anche di incantare,come solo una vera diva sa fare.

Nella sua ultima fatica artistica la vediamo nei panni di una dark lady, protagonista di una scena particolarmente piccante con il personaggio di Toni Servillo ne “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino: “Sì sono la protagonista di questa scena che un po’ tutti hanno definito ‘hot’ – ha dichiarato Giulia Di Quilio Toni Servillo nel film è Jep Gambardella, uno scrittore e giornalista che ama trascorrere le sue nottate tra feste e serate romane nelle quali incontra un’umanità piuttosto variegate. Durante una di queste serate si imbatte in me. – continua l’attrice – Non sono una escort, sono una misteriosa donna che guarda, una specie di voyeur. Interpreto una sorta di dark lady che, come il protagonista, ama vivere le notti della Capitale. Nel film io tento di sedurre Servillo, ma non è detto che ci riesca”.

di Raffaella Ponzo

Categorie: Costume e società Tag: , , , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: