Georges Descrières, il ladro gentiluomo, ovvero l’Arsenio Lupin della TV degli anni ’70, si spegne a Cannes dopo una lunga malattia, aveva 83 anni.

Cappello nero, guanti bianchi, abito sempre impeccabile, ecco come era solito andare in scena, anzi in onda, il ladro gentiluomo, ovvero Arsenio Lupin, interpretato da Georges Descrières, che nella prima metà degli anni ’70 tenne incollati alla TV decine di milioni di telespettatori.

Georges Descrières, allora attore 41enne, si prestò per interpretare questo ladro dandy e amichevole, attratto da gioielli e dipinti famosi, sempre in grado di “operare” con sensibilità e cortesia. Al suo fianco Roger Carel e Marthe Keller interpretavano a loro volta i co-protagonisti di questa vincente serie televisiva trasmessa in Francia dal 1971 al 1974 (dal 1972 al 1975 in Italia) che vide in onda ben 26 episodi di quasi un’ora ciascuno.

Re del travestimento, Arsenio Lupin visita, sempre con passo vellutato, i bei palazzi e le gallerie d’arte della Parigi degli anni venti, ma oltre alle capacità “manuali” è anche dotato di una buona dialettica e di un grande sense of humor, oltre che ad una innata eleganza, tipica di quegli anni.

 

Georges Descrières, al secolo René Georges Bergé, nato a Bordeaux il 15 aprile del 1930 nasce professionalmente presso il Conservatorio di Bordeaux in seguito poi maturerà al Conservatorio Nazionale Superiore d’Arte drammatica di Parigi, dove avrà come mentori due maestri di indiscusso livello quali Denis d’Inès et Georges Leroy che gli permetteranno di vincere due premi (uno per l’arte drammatica ed uno per la commedia) spianandogli la strada verso quello che lo consacrerà come attore di primissimo livello, lavorare per 30 anni nella squadra di Molière.

Descrières ebbe una meravigliosa carriera, grazie alle sue qualità, quali eleganza, equilibrio e fascino, con un valore aggiunto dettato dalla sua ironia e dal suo sorriso, che lo porteranno a ruoli primari come nel suo primo ruolo importante il Conte Almaviva ne “le Nozze di Figaro” di Beaumarchais nel 1958 .

Un attore completo, che dal teatro passa al cinema prima di approdare nelle case dei francesi (e degli italiani), nella veste del ladro gentiluomo Arsenio Lupin, appunto.

Categorie: Costume e società Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: