Viaggio Last Minute a Madrid? Ecco i luoghi più interessanti.

Cosmopolita, storica, moderna, tradizionale e accattivante Madrid è tutto questo. Come conoscere e vivere la capitale spagnola in un weekend? Noi vi daremo delle dritte.

Una città piena d’arte, con musei di fama mondiale, con una tradizione gastronomica sfiziosa e con i migliori locali notturni d’Europa, tutto questo rende la capitale della Spagna una meta favolosa.

Last Minute a Madrid

Primo giorno.
La nostra giornata madrileña inizia visitando il Triangolo dell’Arte (Reina Sofía, Prado e Thyssen) ma dato il breve tempo visiteremo solo il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía.

Un museo che ospita opere meravigliose,come quelle esposte al secondo piano, come il Guernica di Picasso e una stupenda collezione di dipinti di Salvador Dalì. Da vedere assolutamente gli ascensori mozzafiato di vetro e l’intero edificio, progettato dagli architetti José de Hermosilla e Francesco Sabatini.

A pochi minuti dal museo, la magica Calle Huertas, così chiamata per la presenza di frutteti fino al XVI secolo. Su questa strada, vi consigliamo di guardare a terra per ammirare le curiosità di questo luogo: la strada, infatti, è coperta di citazioni in prosa e in versi di autori come Cervantes e Calderón de la Barca.

Approfittando del fatto che siamo in un quartiere dove si trova di tutto, possiamo trovare un buon posto dove mangiare e godere a pieno dei sapori di questa terra. Ci rechiamo verso Plaza Cánovas del Castillo per assaporare le tipiche Tapas spagnole, con portate di prosciutti, formaggi, patatas bravas, croquetas, e tortillas (frittate varie) accompagnate da ottime birre alla spina, le cañas.

Dopo aver gustato i tipici prodotti spagnoli, ci incamminiamo verso il parco El Ritiro che si estende per 118 ettari e rappresenta uno dei principali luoghi di interesse della capitale spagnola. Lasciando El Retiro, prendiamo la Calle Antonio Maura, la Carrera de San Jerónimo per arrivare a Plaza Mayor dove troveremo l’Arco de los Cuchilleros, la più famosa delle nove porte della piazza, realizzata da Juan de Villanueva, che dà accesso a numerosi bar e ristoranti, tra cui El Sobrino de Botín, fondato nel 1795. Un ristorante fondato nel 1725 famoso per essere stato inserito nel libro dei Guinness per essere il ristorante più antico del mondo, ancora attivo. Concluderemo il nostro primo pomeriggio avviandoci verso Plaza del Sol, il simbolo più famoso e fotografato di Madrid, luogo d’incontro, commercio, vita culturale e notturna.

Per concludere la prima giornata in questa meravigliosa città, possiamo fare un salto a Calle Almagro, il quartiere dello star sistem madrileño, dove gustare un’ottima paella al La Buganvilla e tuffarci nella vita notturna della città, concludendo con un suggestivo spettacolo di flamenco a Casa Patas.

Seconda Giornata
La nostra giornata inizierà con una bella colazione a base di churros e cioccolata. Il locale più famoso dove gustare i churros è la Chocolateria San Gines. Da qui ci dirigiamo verso El Rastro il mercato all’aperto più grande della Spagna, dove troviamo souvenir tipici fatti a mano, dischi, libri usati, cartoline, francobolli, mobili antichi e per le amanti del vintage, abiti usati e non davvero particolari.

Se nella prima giornata abbiamo arricchito la nostra cultura, la seconda giornata sarà dedicata allo shopping. Madrid, infatti, non ha nulla da invidiare a Parigi o Londra, perché fascino e lusso non mancano di certo in questa città. Paseo de la Castellana, Calle Principe de Vergara, Via Juan Bravo e Via Jorge Juan, formano “Milla de Oro” la zona del lusso, con negozi griffati, importanti sartorie e atelier di alta moda, che caratterizzano il fascino del design Made in Spain. Correremo verso zona Salamanca per trovare le ultime creazioni di Prada, Versace, Ortega y Gasset, Loewe, Dolce&Gabbana o Chanel per portare a casa dei veri souvenir di classe.

Sempre qui in zona, sul Paseo de la Castellana troveremo locali e ristoranti alla moda e magari qualche bel calciatore, perché sulla Castellana si trova il famosissimo Estadio Santiago Bernabéu.

Ma per conoscere il lato più audace e stravagante di Madrid, nel pomeriggio ci dirigiamo a Chueca, un quartiere molto vivace, all’avanguardia, con caffetterie, boutique, e locali stravaganti ben illustrati e resi famosi da Pedro Almodóvar.
I più temerari potranno realizzare un acconciatura fuori dagli schemi, acquistare abiti usati a buon prezzo e godere della libertà artistica e culturale che pochi paesi Europei come Madrid offrono.

Categorie: Costume e società Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: