Mai come in questi tempi le donne sono state piu’ indifese contro la violenza domestica.
Sono molte le iniziative che vogliono tutelarle e aiutarle, ma soprattutto fare prevenzione e assistenza.

Attentissima è la moda, perchè u marchio che opera nel mercato moderno non può esimersi dalla responsabilità sociale nei confronti dell’ambiente in cui agisce.

Non è possibile offrire le proprie collezioni alla consumatrice finale senza sostenerla o almeno provare a supportare iniziative che migliorino la sua vita.

Nasce così “The OPSOBJECTS ONLUS”, l’onlus del marchio OPSOBJECTS la factory di idee innovative, in cui la creatività, il design e la ricerca si fondono in accessori stilisticamente senza uguali come bijoux e orologi raffinati, colorati.

“The OPSOBJECTS ONLUS” ha come obiettivo la realizzazione di progetti volti a sensibilizzare l’opinione pubblica, sostenere e assistere i soggetti meno fortunati e prevenire atti atroci attraverso la prevenzione e educazione sociale.

A testimonianza dell’impegno concreto sui temi più scottanti, titolo della campagna d’esordio, al fianco di FARE X BENE ONLUS è “Against women violence”, è un vero è proprio “progetto pilota”, unico nel suo genere, che si divide in tre grandi aree progettuali, complementari tra loro, a sostegno di alcuni progetti di prevenzione e assistenza contro la violenza sulle donne”.

Against Women Violence è la campagna contro la violenza sulle donne che “The OPSOBJECTS ONLUS” realizza in collaborazione con FARE X BENE ONLUS. Tre le parole chiave della campagna: SENSIBILIZZARE, ASSISTERE, PREVENIRE. A cui corrispondono altrettanti progetti importanti.

– SENSIBILIZZARE con il progetto IO NON HO PAURA che si sviluppa attraverso uno spot emozionale e un documentario intitolati “Io non ho Paura”. Entrambi diretti da Vincenzo Schioppa (NssFactory), sono stati realizzati da “The OPSOBJECTS ONLUS” insieme a Fare x Bene ONLUS e al Centro Soccorso Rosa.

L’intento è di far sapere a tutti, attraverso una modalità di comunicazione vera e a tratti forte e agghiacciante per la drammaticità dei racconti, che la realtà in Italia oggi è questa.

In Italia, ogni 12 secondi, una donna è colpita da atti di violenza fisica, verbale o psicologica, Sempre in Italia, ogni 3 giorni, una donna viene uccisa.

Da un marito, un fidanzato, un ex compagno geloso o un amico. Magari in famiglia, quel luogo che spesso nasconde abusi, perdonati in nome dell’Amore. Magari, l’Amore. È la frase che conclude uno spot emozionante, e dedicato a tutti, uomini e donne, che abbiano subito violenza o meno.

Una “fotografia” dell’Italia che spesso tendiamo a ignorare. Uno spaccato di realtà che purtroppo pochi hanno davvero compreso e metabolizzato, che si conclude con l’invito a chiamare il 1522 per chiedere aiuto.
Perché farsi aiutare “è l’unico atto di amore da compiere, verso Te stessa”.

IO NON HO PAURA è un messaggio forte, E’ stato scelto anche da tre donne che hanno subito violenze da parte di uomini che dicevano di amarle.

Ed infine assistere con il progetto “NON SEI SOLA” che, a partire da gennaio 2014, vedrà l’erogazione di una borsa di studio per sostenere l’attività semestrale di una psicologa minorile, presente presso il Soccorso Rosa, ambulatorio dell’Ospedale San Carlo di Milano, che si occuperà di accogliere e fornire assistenza e consulenza psicologica a minori vittime di abusi e violenze.

Fondamentale, per non agire più, sempre e soltanto in situazioni di recupero e di emergenza sociale, è la realizzazione della terza area del progetto, realizzato sempre con il sostegno e la collaborazione di Fare X Bene Onlus.

Ma anche prevenire con il progetto “DI PARI PASSO” che è una vera e propria proposta educativa costruita sull’esperienza della Responsabile del centro Soccorso Rosa, la dottoressa Nadia Muscialini. A seguito della sua attività con le vittime di abusi e violenze, soprattutto donne e madri, è risultato evidente che il primo luogo dove affrontare e sradicare il problema alla radice è la Scuola.

Sono, quindi, nati dei corsi di educazione alla differenza di genere, prevenzione e lotta a ogni forma di discriminazione, abuso, bullismo e cyberbullismo che sono già in fase di realizzazione in alcune scuole di Milano e hinterland e che saranno estesi anche ad alcune scuole di Roma e Napoli nei primi mesi del 2014.

Le attività si svolgeranno nelle scuole secondarie di primo e secondo grado a Milano e hinterland, seguendo un percorso ideato dalla dottoressa Nadia Muscialini, Responsabile del Centro Soccorso Rosa.

Il Centro è riconosciuto e sostenuto dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano, con i quali Fare X Bene ONLUS collabora e dove è presente come Onlus di riferimento nei tavoli di lavoro degli assessorati alle Pari Opportunità e agli Affari Sociali e Sicurezza.

Il progetto pilota, realizzato con un gruppo di psicologi selezionati e coordinati dal Centro Soccorso Rosa, nel 2014
si estenderà alle città di Roma e Napoli , grazie al sostegno di “The OPSOBJECTS ONLUS”.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: