Non è tutto oro quel che luccica. E non è tutto griffato quel che viene spacciato come tale.

Il rischio di incappare in una truffa, nel momento in cui si procede all’acquisto di un abito, di un paio di scarpe o di un accessorio griffato è, difatti, assai elevato.

Ragion per cui è assolutamente indispensabile imparare a capire se l’oggetto dei nostri desideri sia effettivamente autentico: basta imparare alcune regole d’oro.

Attenzione ai materiali, innanzitutto. Se, per esempio, avete messo gli occhi su una borsa, verificate che sia davvero di pelle: se l’odore non è quello tipico del cuoio, e se la superficie, al tatto, risulta scivolosa e un po’ appiccicosa, allora statene alla larga. E’ palesemente taroccata.

Regola numero d’oro: studiatene i dettagli. Dato l’elevato costo dei capi griffati, è ovvio che debbano essere perfetti in tutto e per tutto: non devono esserci né macchie e né difetti di fabbrica.
Nel caso in cui ce ne siano, allora avete tra le mani un fake, per giunta fatto male.

Dopodiché imparate a diffidare dei cartellini e dei loghi, che non sempre sono garanzia di autenticità.
Anzi. Taroccarli è semplice, ma decifrare eventuali irregolarità, se vi intendete di griffe, non dovrebbe essere impossibile. La quarta regola da osservare riguarda il luogo in cui il capo, o l’accessorio, è in vendita.

E’ ovvio che i venditori ambulanti presenti per strada non possano vendere nulla di autentico, e che al mercatino delle pulci sia assai difficile trovare un paio di scarpe firmate e originali.

Quindi, se non volete fregature, rivolgetevi alle boutique.

Il quinto campanello d’allarme non può che essere il prezzo: se avete trovate quello che v’interessa, ma il costo è inferiore rispetto a quello imposto, allora è un fake.

Esiste, infine, un sesto modo per evitare di diventare vittime di una truffa: se l’articolo che avete individuato non vi convince al 100%, appuntate il numero di serie e contattate il centro assistenza del brand che, in teoria, dovrebbe produrlo.

Chi vi presta servizio controllerà se i dati combaciano e saprà dirvi se l’oggetto è autentico o meno.

Categorie: Curiosità.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: