Selezionati, campionati, scelti per colore e tipologia, i protagonisti assoluti della nuova collezione Il Gufo AI 2014-15 sono i tessuti, in grado di raccontare la loro storia attraverso parole fatte di trama e di ordito.

Dai velluti con lavorazione dévoré, ancora più ricchi e preziosi grazie ad un ramage quasi barocco, passando per il neoprene floccato, che trasferisce tridimensionalità e matericità al tessuto, fino ad arrivare alla felpa stretch resa unica dalla inedita stampa creata dall’ufficio stile interno: piccoli ranuncoli nelle nuance dei rosa o dei verdi sbocciano su abiti e felpe, in un gioco di contrasti tra la delicatezza del soggetto, la decisione dei colori e la praticità del tessuto.

Molti i temi fondamentali che attraversano la collezione, creando varietà ma senza dimenticare la definizione di un total look sofisticato, in perfetta armonia tra la modernità e l’eleganza che da sempre caratterizzano il brand.

UNIVERSITY
I blu con i gialli, i verdoni e i rossi, la scelta di tessuti scozzesi per kilt e pantaloni, i velluti a coste, il tweed: colori accostati con maestria per ricreare un mondo preppy dove il blazer è tutt’altro che formale. Uno stile che strizza l’occhio alla tradizione, ma con forme e proporzioni attualissime.

GROS GRAIN & NASTRATURE
Il gros grain è il fil rouge dell’intera collezione: più di un semplice dettaglio, denota la ricercatezza e il valore dei materiali. Nella bimba acquisisce tridimensionalità grazie alla lavorazione a fiore, mentre la versione bicolor è presente nei capi del maschio con bande inserite nelle tasche e ai lati dei pantaloni. La banda ritorna anche nella maglieria maschile con le nastrature: una lavorazione solitamente utilizzata per impermeabilizzare le cuciture, che diviene un elemento decorativo materico, in grado di spezzare l’omogeneità della lana sia a livello visivo sia tattile.

MAGLIERIA
Grande studio e attenzioni per i capi in maglia: le lavorazioni jacquardate sono sviluppate creando nuance e proporzioni inedite. Sulle maglie delle bimbe sbocciano fiori stilizzati a punto catenella realizzati interamente a mano: un elemento prezioso che ripercorre la tradizione della maglieria italiana. Nel bimbo prevale invece il dettaglio innovativo e quasi tecnico delle nastrature. La scelta stilistica punta ad ammorbidire la vestibilità, mantenendo però inalterata la lunghezza: lo shape quadrato è proposto in modo preponderante, in netto accordo con i trend internazionali.

IL ROSA E LE SUE GRADAZIONI
Tutte le sfumature del rosa sono fortemente presenti nelle proposte da bambina: dal rosa chiaro a quello antico, passando per il geranio e il lampone. Un giardino inglese dove sbocciano le rose anche d’inverno, in tonalità polverose, ma decise, creando degli originali giochi di sovrapposizioni.

IL GIALLO ACIDO
I colori forti continuano ad essere protagonisti delle collezioni del brand: questa è la stagione del giallo intenso, quasi acido. Il più felice tra i colori dell’arcobaleno, vivace e allegro. Abbinato al blu nel bambino, al grigio etereo del tulle nelle proposte femminili, al marrone nella neonata e al verde nel maschietto.

PANNA E ARGENTO PER IL BEBE’
Le proposte da neonato s’illuminano di bianco e pagliuzze argento, che emergono da tessuti lavorati a jacquard. Un abbinamento perfetto per le cerimonie e per tutti i momenti speciali.

LA PIUMA
Piumini dai modelli e colori tutti nuovi: per lei forme trapezoidali o ad ovetto, con inserti in gros grain e fiocchi applicati, per lui stile casual e ricercato con tasche applicate a contrasto su inserti in tessuto di lana. Dalla piuma di qualità – soffice e leggera, con imbottitura composta per il 90% da piumino e per il 10% da morbide piumette – all’immancabile piuma diretta – un procedimento di elevato livello qualitativo, con cui il piumino è inserito direttamente all’interno del nylon, per capi caldissimi ma allo stesso tempo leggerissimi.

Categorie: Pitti Bimbo Tag: , , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: